Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
domenica, 18 novembre 2018

Raccolta firme on line
per riprendersi la nipote

Non si rassegna la zia Barbara Molino di Leno alla decisione del tribunale che con due sentenze successive (Tribunale dei Minori e Corte di Appello) ha affidato la crescita della nipotina - ora di poco più di 5 anni -, rimasta nel frattempo orfana di madre, alle cure di una famiglia estranea a quella di origine. Per farsi ascoltare lancia una petizione online e riassume la loro vicenda così: «La mamma muore trucidata sulla strada, la zia vuole allevare la nipote con tutto l’amore, il tribunale dispone una Ctu (una consulenza tecnica affidata ad uno psicologo, ndr), la zia risulta idonea e alla fine la bambina viene lasciata in mano ad estranei e sono due anni che non vede la sua famiglia». Con queste parole si prepara a raccogliere firme sul web sperando in un ripensamento del tribunale, piuttosto difficile tuttavia dato che la bambina è stata data in affidamento da quasi due anni, con possibilità di adozione. Forse l’interesse dei congiunti è stato espresso troppo tardi perché si potesse interrompere la procedura.M.MON.