Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 16 novembre 2018

Una merenda d’autore all’ombra della storia

Il pasticciere lenese Filippo Fiorini

Molto tempo fa vagheggiava di baciare bocche «nel sapore di crema e cioccolatte». Un sogno messo in poesia da Guido Gozzano, «innamorato di tutte le signore / che mangiano le paste nelle confetterie». Le discendenti (e i discendenti) di quelle signore sono invitate oggi a ritrovarsi per una pausa dolce che rende omaggio al passato e guarda al futuro, nella storica pasticceria Lodigiani di Leno, in via Dante 13, pronta a rinascere dopo anni di chiusura. L’HA RILEVATA per farla rivivere Filippo Fiorini, un neo imprenditore del piacere gastronomico classe ’92 che, avviato in origine a una carriera di geometra, ha preferito altre costruzioni: strutture cremose con inserti croccanti o di gelatine alla frutta, eleganti decorazioni con glassa a specchio o riccioli finissimi di cioccolato. Invece di seguire le orme del padre, infatti, ha lasciato presto il corso tecnico dedicato a topografia ed estimo per diplomarsi in una scuola alberghiera e poi girare l’Italia in lungo e in largo, da Porto Cervo alla Valle d’Aosta, da Roma a Milano, sempre in locali super stellati dove ha «imparato a trattare con rispetto le materie prime, ottenendo sempre il massimo da ogni preparazione». Fatta la necessaria esperienza ha maturato il tempo per il ritorno a casa e per l’avvio di una grande avventura: un tentativo di tenere viva la tradizione (anche grazie alla cornice storica del suo locale) rinnovandola con tocchi di modernità e con materie prima di alta qualità (farine italiane macinate a pietra, cioccolato belga, pistacchi di Bronte, nocciole Igp piemontesi e burro di Normandia). «DALLE MERENDE che facevo da mia nonna ai nuovi gusti con originali abbinamenti, fino ai prodotti biologici - anticipa il pasticciere pronto all’esordio casalingo - tutto sarà servito in un ambiente confortevole in cui venire a rilassarsi». E in cui, per dirla ancora con le parole di Gozzano, dominare «i vassoi/ con le pupille ghiotte». •