Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
domenica, 18 novembre 2018

La marea della plastica si può fermare nei bar

Centinaia di cannucce di plastica raccolte su una spiaggia

«Una cannuccia in plastica si usa per 15 minuti mentre per smaltirla occorrono cinquecento anni. In tutto il mondo, stando ai numeri della Plastic pollution coalition, se ne utilizzano quotidianamente più di un miliardo, e in Europa sono tra i primi cinque rifiuti raccolti sulle coste. In molti casi finiscono in mare, sminuzzandosi in pezzi sempre più piccoli che vengono ingeriti dai pesci entrando nella catena alimentare». È documentatissimo Giovanni Braga Dettoni, un manerbiese proprietario di un paio di locali pubblici ai quali ha deciso di dare una svolta ecologica. Partendo dalle considerazioni riportate, ha deciso di cambiare rotta aderendo alla campagna di Marevivo adottando nei suoi bar solo cannucce di carta biodegradabili. Una iniziativa che potrebbe ampliarsi ad altri imprenditori del suo settore; perchè per contrastare questa catastrofe ambientale non basta la macchina progettata da Boyan Slat per ripulire gli oceani, occorrono misure più radicali e condivise. •