CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.06.2018

Manerbio, la «squadra» di governo è pronta

Il tempo di un breve brindisi e il sindaco di Manerbio Samuele Alghisi  si è rimesso al lavoro: la squadra di governo è già stata designata
Il tempo di un breve brindisi e il sindaco di Manerbio Samuele Alghisi si è rimesso al lavoro: la squadra di governo è già stata designata

Il governo-bis del riconfermato sindaco di Manerbio Samuele Alghisi è già pronto. La Giunta resterà sostanzialmente invariata con i «titolari» inamovibili Fabrizio Bosio alla Cultura, Paola Masini al Bilancio, Giandomenico Preti all’Urbanistica, Liliana Savoldi ai Servizi sociali e alle Pari opportunità. L’unico volto nuovo sarà Paolo Vittorielli a cui saranno affidate le deleghe a Decoro urbano, Ecologia e Lavori pubblici. «Avevamo fissato già incarichi e membri dell’esecutivo per questioni di trasparenza -spiega Alghisi -, ma anche per poter essere subito operativi nel caso i cittadini ci avessero confermato la fiducia». Cosa che è puntualmente avvenuta:Samuele Alghisi ha incassato 2.536 voti superando il 43% dei consensi. Lo sfidante più accreditato Federico Mosca si è fermato a 1.957 voti. La Lega che correva da sola affidandosi a un candidato di bandiera come Ferruccio Casaro non ha sfondato con 1.028 suffragi. Ad Alberto Caldera di Italia agli italiani sono andati 285 voti, non sufficienti per entrare in Consiglio. «La mia squadra è stata perfetta perché dietro la mia candidatura c’era soprattutto l’obiettivo di far conoscere alla comunità quello che nelle retrovie e lontano dai riflettori il nostro movimento sta facendo per Manerbio -afferma Caldera di Forza Nuova -. Non starò a fare altre analisi dei risultati, è ovvio che avrei sperato in un risultato migliore. È andata cosi e ne prendiamo atto, abbiamo fatto esperienza. Ci sarà sempre da parte mia una critica costruttiva e spero di poter essere utile per lamia gente». FEDERICO MOSCA, analizza in modo pragmatico il risultato: «Prendiamo atto del risultato elettorale. Il primo ringraziamento va alle persone piene di entusiasmo e di preparazione con cui mi sono candidato. Abbiamo proposto alla comunità un progetto civico e di sviluppo che ha trovato riscontro in molte famiglie e categorie produttive ma non a sufficienza nelle urne. Un distacco chiaro dal sindaco che prosegue il suo lavoro, al quale non mancherà la nostra opposizione intransigente con un occhio vigile, ma aperto al confronto». E in questo senso Alghisi si dichiara aperto al contributo «di tutti. Ci sono all’orizzonte progetti importanti che avranno bisogno di un sostegno collettivo che prescinde dagli schieramenti. Nel rispetto dei ruoli e delle prerogative, terremo conto dei pareri e delle idee delle minoranze». ALGHISI DEDICA la vittoria «a tutte le persone che che ci hanno aiutato con il loro tempo e le loro fatiche ad arrivare a questo risultato. Non era scontato l’esito di questo voto. Sono felice del riscontro ottenuto». Il neosindaco si dice «consapevole delle aspettative che la cittadinanza ha posto in questo voto. Sono onorato di questa fiducia e spero ne saprò essere degno. Tenteremo di lavorare in sinergia con tutte le realtà associative che hanno dato e daranno un contributo in futuro al paese, tenteremo di aggregare persone e lavoreremo per raggiungere in modo condiviso i risultati che riusciremo a produrre». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Flavio Cammarota
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1