Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 16 agosto 2018

Si infrange il silenzio
San Lorenzo saluta
il ritorno dell’organo

L’organo restaurato nella chiesa parrocchiale Manerbio (BATCH)

È una festa per la musica e per la fede quella in cartellone quest’oggi a Manerbio. Al centro dell’attenzione ci sarà l’organo Amati del 1856 custodito nella chiesa parrocchiale di San Lorenzo Martire che è tornato a splendere dopo i restauri realizzati dalla casa Giani di Corte dei Frati, e che dopo quasi mezzo secolo di silenzio tornerà a suonare accompagnando la sagra d’ottobre.

Sono tre i concerti in programma per celebrare la rinascita, e il primo si terrà oggi dalle 20,30, dopo la benedizione dello strumento e la presentazione da parte del maestro organaro Daniele Giani: in cartellone la lezione concerto del maestro Alessandro Casari.

Venerdì prossimo toccherà all’esibizione di Susanna Soffiantini: alle 18,30 l’accoglienza in chiesa; poi la relazione di Giuseppe Migliorati sulle caratteristiche dello strumento e alle 20,20 la musica. Infine, domenica 15 ottobre un concerto per violino e organo. Alle tastiere Marco Ruggeri, del Conservatorio di Novara e al violino Lina Uinskyte del Luca Marenzio di Darfo. F.PIO.