Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 24 ottobre 2017

Si infrange il silenzio
San Lorenzo saluta
il ritorno dell’organo

L’organo restaurato nella chiesa parrocchiale Manerbio (BATCH)

È una festa per la musica e per la fede quella in cartellone quest’oggi a Manerbio. Al centro dell’attenzione ci sarà l’organo Amati del 1856 custodito nella chiesa parrocchiale di San Lorenzo Martire che è tornato a splendere dopo i restauri realizzati dalla casa Giani di Corte dei Frati, e che dopo quasi mezzo secolo di silenzio tornerà a suonare accompagnando la sagra d’ottobre.

Sono tre i concerti in programma per celebrare la rinascita, e il primo si terrà oggi dalle 20,30, dopo la benedizione dello strumento e la presentazione da parte del maestro organaro Daniele Giani: in cartellone la lezione concerto del maestro Alessandro Casari.

Venerdì prossimo toccherà all’esibizione di Susanna Soffiantini: alle 18,30 l’accoglienza in chiesa; poi la relazione di Giuseppe Migliorati sulle caratteristiche dello strumento e alle 20,20 la musica. Infine, domenica 15 ottobre un concerto per violino e organo. Alle tastiere Marco Ruggeri, del Conservatorio di Novara e al violino Lina Uinskyte del Luca Marenzio di Darfo. F.PIO.