Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 18 ottobre 2017

Una coppia di anziani
raggirata e derubata
da falsi tecnici del gas

Villette a schiera con ameni giardini e basse cancellate che custodiscono l’intimità delle quattromila anime che formano la comunità di Offlaga. Una tranquillità scossa per due volte negli ultimi dieci giorni dalla microcriminalità che accresce la sensazione di insicurezza e vulnerabilità, soprattutto fra gli anziani. A inizio febbraio era stato don Gian Maria Guerini ad essere derubato nella propria abitazione mentre era assente per celebrare messa. I ladri dopo aver forzato il portoncino d’ingresso avevano messo sotto sopra mobili e oggetti andandosene dopo aver trovato i soldi delle offerte. Venerdì pomeriggio, invece, ad essere presa di mira è stata una coppia di anziani. Un grrande spavento quello vissuto da un 68enne e una 65enne, marito e moglie, alle prese con due truffatori che si sono presentati alla porta della loro abitazione in via Garibaldi. Il copione recitato è andato in scena ancora una volta, a colpo sicuro: il campanello che suona, i malintenzionati che si presentano come dipendenti delle aziende di energia o del gas, la scusa di dover effettuare dei controlli o, a volte, stipulare nuovi contratti. Con fare convincente abbassano le difese delle vittime, carpiscono la loro fiducia ed entrano nell’abitazione. Così è accaduto venerdì. I due finti tecnici del gas hanno detto di dover controllare le condutture in cucina e, una volta entrati, si sono divisi: uno li ha distratto gli anziani, l’altro è andato alla ricerca di soldi e oggetti di valore trovando circa duemila euro che la coppia teneva gelosamente custoditi. Marito e moglie, però, a un certo punto si sarebbero accorti che qualcosa non quadrava. Troppo tardi. La coppia di ladri si è dileguata rapidamente. Lanciato l’allarme Sul posto, oltre ai carabinieri, è arrivato anche un medico che abita a pochi metri di distanza. Marito e moglie erano molto scossi. Tranquillizzarli non è stato facile. Le forze dell’ordine rinnovano l’invito a diffidare sempre degli sconosciuti e, nel dubbio, a non aprire la porta o chiamare il 112. P.BUI.