Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 21 settembre 2018

A Novagli si lavora alla rotonda salvavita

L’incrocio che verrà trasformato da una rotonda

L’ultimo incidente è avvenuto mercoledì, e ha reso sempre più evidente la necessità di intervenire, a Montichiari, sull’incrocio dei Tre Aranci. Fortunatamente stavolta lo scontro tra un’autovettura e una moto non ha avuto gravi conseguenze, ma ha riportato sulla scena la necessità di modificare la viabilità sull’intersezione tra via Mantova e Novagli campagna. Una necessità che sta trovando risposte: nell’ultimo consiglio comunale di Montichiari è stato fatto un passo in avanti con l’adozione di una variante al Piano di governo del territorio finalizzata alla realizzazione di una rotonda lungo la provinciale 236. Adesso servirà un ulteriore passaggio, ovvero l’approvazione del progetto. IL RONDÒ in fase di decollo fa parte delle cinque opere compensative (nell’elenco ci sono anche la pista ciclabile di Vighizzolo, gli interventi per la sicurezza dell’attraversamento pedonale del Santellone, i pannelli fonoassorbenti che verranno installati in località Maragoncello a Vighizzolo e i tre punti luce sistemati in via Aeroporto) previste da quell’accordo di programma che il Comune ha sottoscritto con la Provincia in vista della realizzazione della variante che collegherà Goitese e Lenese. Tornando alla rotatoria dei Tre aranci, è il Comune che sta seguendo l’iter dell’opera che costerà 400 mila euro. In sostanza fa da collegamento tra tutti i soggetti coinvolti, e una volta che verrà collaudata l’opera la «restituirà» alla Provincia. L’unico ostacolo, per ora, è rappresentato dalla necessità di ottenere il terreno necessario per la costruzione in prossimità della sp 236: servirà probabilmente un esproprio, e prima ancora servirà modificare la destinazione d’uso, che ora è agricola. •