Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
sabato, 21 ottobre 2017

«Accesso all’area per i cani:
serve la polizza assicurativa»

L’area per lo sgambamento dei cani a Montichiari (BATCH)

La recente tragedia di Flero, dove la piccola Victoria Zikaj ha perso la vita dopo essere stata azzannata dai pitbull di famiglia, ha posto al centro dell'attenzione il tema dei cani e della sicurezza. A Montichiari, ormai da diverse settimane, è stata creata la prima area per «sgambamento cani».

NELLA ZONA del quartiere Allende, in via vittime delle Foibe, alcuni cittadini fanno trascorrere qualche ora di spensieratezza ai loro amici a quattro zampe. Nell'ultimo periodo, tra l'altro, l'assessorato all'Ambiente di Montichiari si è preoccupato di potenziare i giochi per gli animali che con quotidianità vengono portati dai loro padroni. Ma proprio la vicenda di Flero ha acceso i riflettori sul tema della sicurezza, fatto proprio dal capogruppo della Lega Nord attraverso il capogruppo Marco Togni che ha sollevato la questione sui 5600 metri quadrati di zona dedicata ai cani.

«È vero che i minori di 16 anni possono entrare nell'area solo se accompagnati dai genitori e se nell'area è presente il loro cane - ha affermato il capogruppo leghista - ma per tutelare l'incolumità delle persone servirebbe fare un passo avanti. In questo caso basterebbe seguire l'esempio di qualche altro Comune virtuoso, dove i padroni dei cani che vogliono accedere alla zona di sgambamento sono dotati di polizza assicurativa. In questo modo, oltre ad accrescere la sicurezza dell'area, si potrebbe tutelare anche il Comune».

«In sostanza si tratterebbe di un provvedimento al momento non presente nel regolamento comunale per accedere alla zona, che cautelerebbe in primo luogo l'ente da eventuali incidenti e dunque da conseguenti azioni legali», ha aggiunto l'esponente del Carroccio. Infine Marco Togni si è augurato che «l'area adibita per i cani venga controllata dalla polizia locale».

Di fronte a questa sollecitazione l'assessore all'Ambiente Mariachiara Soldini, che ha lavorato con i tecnici del suo ufficio per la realizzazione del piccolo parco per i cani, si è detta «disponibile a prendere in considerazione l'idea» della Lega Nord. «Nei prossimi giorni, dunque, valuteremo la proposta», ha promesso l'esponente della giunta Fraccaro. In attesa di una possibile integrazione al regolamento comunale per l'area dedicata ai cani, la zona all'interno del quartiere Allende sta diventando un punto di riferimento per molti padroni ed i loro cuccioli.