CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

23.02.2018

Assistenza, il «caso» Rsa apre la corsa ai chiarimenti

Il caso di una operatice assistenziale dipendente da una coop licenziata dalla stessa cooperativa per aver denunciato la pessima gestione di un ospite della Rsa di Montichiari ha lasciato il segno; e non solo sulla donna. Alla luce di quanto avvenuto (era il 24 gennaio), il Movimento 5 Stelle presenterà al prossimo consiglio comunale la richiesta di istituire una commissione d’inchiesta sul caso. Lo annuncia il consigliere comunale Paolo Rossi spiegando che «servirà a verificare se si è manifestata una carenza sanitaria in una struttura partecipata del Comune. E ad ascoltare anche il direttore amministrativo e quello sanitario». Non solo: i Cinque Stelle vogliono capire se esiste la possibilità di controllare il lavoro che viene concesso in appalto: «Abbiamo il potere e la facoltà di farlo? Di capire se si lavora secondo criteri di qualità?». Entra a gamba tesa nella vicenda anche Forza Italia: «La Casa albergo è sempre stata un’eccellenza - sostiene la coordinatrice Claudia Carzeri -; ora questo caso rischia di comprometterne l’immagine anche nei riguardi della Regione, che eroga i contributi per i posti accreditati. Ritengo sia doveroso fare tutti gli accertamenti necessari». Coglie l’assist pure la Lega: «Le indagini delle autorità faranno il loro corso ma noi - commenta il segretario Davide Tiraboschi - abbiamo l’obbligo non solo morale ma anche di legge di chiedere spiegazioni all’amministrazione comunale. Per questo abbiamo presentato un’interpellanza sulla vicenda da inserire nel prossimo consiglio». •

V.MOR.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1