Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
domenica, 23 settembre 2018

Con la Fiera dell’Elettronica riapre la stagione espositiva

Il maestro Giuliano Mariotti

La Fiera dell’Elettronica ritorna da protagonista oggi e domani al Centro Fiera di Montichiari con la mostra mercato dedicata agli appassionati di informatica, hi-tech, computer, video, Hi-Fi e radio d’epoca, componentistica ed attrezzature per il radiantismo. Giunta alla 51aedizione, la fiera proporrà una panoramica completa del settore, con le migliori offerte per il pubblico dei consumatori. Ad arricchire le giornate della Fiera dell’Elettronica, come da tradizione, un programma di eventi speciali che si rivolgono nello specifico ai radioamatori e agli esperti del radiantismo, ma anche ai collezionisti e agli appassionati. «La Fiera che inaugura il secondo semestre di eventi proposti dal nostro quartiere fieristico è sempre molto attesa - spiega Germano Giancarli, presidente del Centro Fiera - la manifestazione intercetta le esigenze del pubblico dei consumatori, sempre alla ricerca di nuovi prodotti e occasioni vantaggiose. All’offerta commerciale, si aggiunge il programma di speciali per radioamatori, le mostre e le iniziative dedicate ai cultori delle radio d’epoca e della nostra storia». Ad arricchire l’esposizione commerciale è confermata la presenza del Radiomercatino di Portobello, la mostra scambio dedicata alle radio d’epoca e ai materiali usati e da collezione. L’iniziativa metterà in vetrina anche radio e materiali d’epoca che faranno la gioia di tutti gli appassionati. L’Associazione italiana per la radio d’epoca propone una mostra dal titolo «È nato prima il fagiolo o la radio?». Il riferimento è al nome con cui gli appassionati identificavano alcuni modelli degli anni ’50, passati alla storia anche per la loro particolare forma arrotondata che ricordava quella del legume. La mostra sarà l’occasione per un viaggio nella memoria, attraverso radio storiche che, nell’immaginario collettivo, rievocano gli anni del boom economico del secondo dopoguerra. •