CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

19.10.2017

Le vittime della rapina
fanno arrestare il bandito

La caserma dei carabinieri
La caserma dei carabinieri

Si è conclusa nel giro di un quarto d’ora la rapina alla farmacia «San Pancrazio» di Montichiari. Ieri pomeriggio, intorno alle 16.20, un italiano di 56 anni ha lasciato lo scooter di fronte l'ingresso, è entrato ed ha puntato un coltellaccio da cucina alla gola di una dipendente facendosi consegnare l'incasso giornaliero.

Non contento dei mille euro racimolati nel sacco nero messo sul bancone della farmacia, il rapinatore con il volto coperto da un casco ha chiesto ai dipendenti di svuotare anche borse e portafogli. «Abbiamo provato a calmarlo e quando ha capito che non avevamo altri contanti - ha raccontato la direttrice della farmacia Picarda Alessandria - è scappato».

La dottoressa, impugnando il manico di un estintore, si è lanciato all’inseguimento. Il malvivente, con precedenti sempre per tentata rapina, non è riuscito a scappare con lo scooter perchè un cliente della «San Pancrazio» ha girato la chiave per spegnerlo.

Nel contempo è partita la telefonata ai carabinieri di Montichiari che in un attimo si sono fiondati in via Mantova. A quel punto c'è stato un breve inseguimento ed i militari sono riusciti a fermare il bandito che è stato trasferito al pronto soccorso dell'ospedale di Montichiari per una leggera ferita ad un dito.

Il bottino, circa mille euro, è stato recuperato dalle forze dell'ordine e restituito alla direttrice della farmacia. Il 56enne di Montichiari, infine, è stato accompagnato dai carabinieri in carcere in attesa della convalida dell'arresto dal Giudice per le indagini preliminari. V.MOR.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1