CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

16.12.2017

Partecipate, via alla fusione Il Centro fiera ritrova se stesso

L’ingresso del Centro fiera del Garda di Montichiari
L’ingresso del Centro fiera del Garda di Montichiari

Valerio Morabito Era stata annunciata tempo fa, e con dicembre la grande fusione tra le due società che gestivano il complesso fieristico di Montichiari diventerà realtà: Immobiliare e Centro fiera saranno presto una cosa sola. Nell’ultima seduta consiliare del 21 dicembre, la maggioranza darà il via libera al progetto di incorporazione di «Immobiliare fiera Montichiari spa» ed «Effegi srl» nella Centro fiera spa. I motivi della scelta? «La scissione delle società nel 2003 non ha portato a una vera divisione dei compiti - ricorda l’assessore al Bilancio Renato Baratti -. In sostanza questo dualismo si è rilevato inefficace rispetto al contesto in cui viviamo. Quindi occorre ricondurre all’unità la gestione. È necessario riunificare tutto in una società più snella e operativa». In sostanza, secondo Baratti, «Non può esserci una gestione efficace del sistema se ci sono più teste che devono decidere sugli stessi argomenti». In più occorre ricordare che il Comune detiene la maggior parte delle azioni di entrambe le società (l’80% del Centro fiera e il 76% dell’Immobiliare) e considerando che si tratta di due realtà che in sostanza svolgono la propria attività nello stesso settore, il municipio ha deciso di procedere alla definitiva «razionalizzazione»; anche alla luce del Testo unico delle partecipate. OLTRE che da motivazioni gestionali e normative, la volontà di procedere alla fusione tra le due realtà fieristiche è dettata da un cruciale aspetto economico: «l’apnea finanziaria» in cui versa l’Immobiliare. Sulla questione l’assessore Renato Baratti aveva ricordato che la società è sovraccarica di debiti e non riesce a gestire il patrimonio in maniera autonoma». Fusione, insomma, col «no» della Lega nord che annuncia battaglia. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1