Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
martedì, 24 ottobre 2017

Quindici famiglie senza metano
un’attesa che dura da 25 anni

Disagi in via Bassa per il mancato allacciamento al metanoIl Comune prevede solo contributi per chi non è allacciato alla rete (BATCH)

È ormai diventato cronico il problema che coinvolge una quindicina di famiglie monteclarensi di Vighizzolo, da ben 25 anni: i nuclei familiari residenti in via Bassa nella frazione non hanno l’allacciamento del metano.

Un disagio di non poco conto, soprattutto quando l'estate è ormai agli sgoccioli ed il primo freddo di stagione non è poi così lontano. Non si tratta di una vicenda legata a qualche inadempienza burocratica, bensì ad una evoluzione demografica che con il trascorrere del tempo ha fatto crescere i residenti di via Bassa.

SE, DUNQUE, l'operazione di collegamento dell'impianto domestico alla rete locale di distribuzione si era fermata al civico 72, le abitazione giunte dopo, che vanno dal 74 in avanti sono rimaste escluse.

Gli abitanti hanno perso forse ogni speranza e sollecitano un intervento dell’amministrazione. «Molti di noi - ha affermato Mariella, una dei residenti che non possono usufruire della rete del gas - sono stanchi di una situazione che si protrae ormai da decenni».

Per sopperire al disagio la maggior parte delle famiglie sprovviste di metano hanno fatto installare un serbatoio di gpl (nel giardino, per chi possiede un angolo verde). Impossibile d’altra parte rinunciare ai bomboloni per il riscaldamento della propria abitazione. Il problema principale, però, è nei costi. «Nei mesi invernali - ha aggiunto la residente - il pieno di 800 litri del bombolone costa circa 540 euro. Una cifra non indifferente».

Intanto i cittadini hanno provato a contattare il distributore privato di gas, ma non sono riusciti a trovare un accordo per l'avvio dei lavori. Stesso discorso vale con le istituzioni locali che per adesso non si espongono in maniera esplicita sulla problematica. Però da diversi anni, in realtà, sono state rese fruibili dal Comune delle agevolazioni economiche per chi non può usufruire della rete del gas. Per poterne beneficiare è sufficiente informarsi in Municipio e compilare un modulo. «Una goccia in mezzo al mare», ribatte perrò Mariella. Il disagio, in effetti, resta e al momento tutto rimane come 25 anni fa. «Ci hanno suggerito - conclude Mariella - di promuovere una raccolta firme per mettere ancora più in evidenza il problema». Un'iniziativa, considerando il numero delle famiglie sprovviste dell'allaccio alla rete del gas, però mai avviata.

Nel frattempo il primo freddo è ormai dietro l'angolo ed in attesa di un allaccio alla rete del gas che le 15 famiglie attendono da tempo, gli abitanti dal civico 74 in avanti non possono fare altro che caricare, di nuovo, i loro impianti di gpl.