Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
lunedì, 18 dicembre 2017

Sos per il Chiese:
l’inquinamento
scorre a fiumi

L’acqua giallastra nel fiume (BATCH)

Le piogge degli ultimi giorni hanno ingrossato il letto del fiume Chiese, ma la maggior portata d'acqua non ha nascosto il «color cromo» che è possibile notare all'altezza del ponte di Borgosotto, vicino alla cartiera di Montichiari. Il giallo dell'acqua è sempre più evidente e a fasi alterne è possibile avvertire un cattivo odore. È l'ultimo capitolo che si aggiunge alla triste storia che vede come attore non protagonista uno dei principali fiumi bresciani. Se, negli ultimi giorni, è stato scoperto l'ennesimo sversamento all'altezza della diga di Acquafredda, a Montichiari il problema principale sembra essere legato sempre al colorito giallastro dell'acqua del Chiese. Le autorità ambientali hanno effettuato diversi sopralluoghi e campionamenti che avrebbero messo in evidenza una generale alterazione dei valori dell'acqua. Ma i risultati ufficiali non sono ancora arrivati sul tavolo della Polizia provinciale di Brescia.

Nel frattempo, la situazione ecologica del corso d'acqua non è migliorata e per questo motivo nelle prossime ore potrebbero essere realizzate nuovi controlli e sopralluoghi. In più, come se non bastasse, sulle sponde del fiume sono stati rinvenuti diversi sacchi di immondizia. La spazzatura, come si può evincere dai sacchi della differenziata che portano la scritta «Comune di Rodengo Saiano», sono stati abbandonati da persone che non risiedono a Montichiari e hanno deciso di abbandonare i rifiuti nella zona del ponte di Borgosotto. Da queste parti, a quanto pare, non ci si fa mancare proprio nulla. V.MOR.