CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

09.01.2018

Un sogno da coltivare per i ragazzini difficili

Alessio Gaudino durante la sua tappa monteclarense
Alessio Gaudino durante la sua tappa monteclarense

È importante credere nelle proprie passioni per farle diventare un lavoro. Ed è stato proprio uno stimolo in questa direzione a uscire dal recentissimo incontro legato al «Progetto identità» e ospitato da palazzo Novello di Montichiari. Il protagonista è stato Alessio Gaudino, un ballerino professionista che ha partecipato al talent «Amici». L’ospite ha raccontato la propria esperienza, i sacrifici fatti per raggiungere il suo obiettivo, ai ragazzi (tra i 12 e i 18 anni) della Comunità educativa «Casa della fraternità» di Salò (gestita dalla cooperativa La Sorgente) e ad altri giovanissimi in difficoltà seguiti dal servizio tutela dell’Ambito 10 di Montichiari. LA STORIA di Gaudino è stata appunto inserita nel già citato «Progetto identità» nato nel 2016 da un’idea di alcuni operatori sociali impegnati a cercare di offrire ai minori provenienti da famiglie fragili e inseriti in comunità educative (o in condizioni di affido) la possibilità di accedere a tutte le esperienze sociali, culturali, sportive, ludiche, sanitarie e ricreative che non possono essere pagate dalla famiglia o dagli enti pubblici. In questo modo, per esempio, sono state pagate cure dentistiche, visite mediche e anche la possibilità di svolgere attività sportive. Da una parte l’attività delle assistenti sociali che gestiscono il progetto; dall’altra il fondamentale sostegno di diverse realtà private del territorio. • V.MOR.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1