CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.06.2018

L’educazione stradale è baby

I bambini delle scuole elementari impegnati nel corso
I bambini delle scuole elementari impegnati nel corso

Lo spettacolo teatrale nel salone del centro culturale Aldo Moro, a Orzinuovi, ha chiuso il ciclo di «Lezioni di educazione stradale» organizzato dalle scuole elementari Salvo D’Acquisto ed Elisabetta Cerioli per gli alunni delle classi seconde, terze, quarte e quinte. Il corso, affidato agli agenti della Polizia locale, coordinati dal comandante Vittorio Paloschi, si propone ogni anno di aiutare gli alunni a comprendere le cause più comuni degli incidenti ed a conoscere le regole della strada ed il comportamento da tenere quando si viaggia. «Sulla strada i bambini della scuola dell’obbligo sono in genere ’utenti deboli’, che non solo devono conoscere e rispettare le regole stabilite ma devono anche tenere un comportamento prudente per proteggersi da eventuali errori commessi da altri» riflette Paloschi. Affiancati dalle maestre, i Vigili hanno illustrato la segnaletica stradale, hanno spiegato le regole cui devono attenersi pedoni e ciclisti, hanno fatto comprendere il significato delle segnalazioni manuali degli agenti impegnati nella regolazione del traffico. Usando un linguaggio facilmente comprensibile e con l’ausilio di materiale didattico ricco di immagini, gli istruttori del corso di educazione stradale preparano i futuri automobilisti all’uso consapevole della strada e dei mezzi che la tecnologia moderna mette a disposizione per percorrerla, ponendo al primo posto il rispetto della persona. «Sulla strada - aggiunge il comandante - la vita si può perdere in un attimo ed il dolore di chi resta è aggravato dal fatto che poteva essere evitato». Per i bambini un’esperienza utile a muoversi con attenzione sulle strade, troppo spesso teatro di incidenti drammatici. •

R.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1