Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 19 settembre 2018

Lustrini e sit-in alla fiera più grande

Cavalli maremmani sullo sfondo di piazza Vittorio Emanuele

A margine dell’ufficialità, ma in una posizione ben visibile, nella giornata dell’inaugurazione ufficiale della Fiera di Orzinuovi c’è stato spazio per una campagna importante, nata per il «tradimento» dell’esito di un referendum. Quasi in prima fila, a contendere la scena all’assessore regionale all’Agricoltura Fabio Rolfi c’erano gli esponenti del Comitato referendario acqua pubblica Bassa bresciana. UNA PRESENZA emblematica; un monito per la politica rappresentata ieri, nella giornata della settantesima edizione della rassegna agricola, anche dalle «madrine»: le consigliere regionali, entrambe espressione del territorio, Federica Epis di Orzinuovi e Simona Tironi di Travagliato. Senza dimenticare naturalmente il «padrone di casa», il sindaco Andrea Ratti, e molti altri. L’inaugurazione della Fiera di San Bartolomeo è stata preceduta dalla consegna della benemerenza assegnata dal Comune ai cittadini che hanno dato prestigio alla comunità grazie a meriti in campo professionale, culturale e sociale, mentre poco dopo, l’apertura ufficiale è stata benedetta dal parroco don Domenico Amidani e accompagnata dalle note della Fanfara dei bersaglieri e dallo spettacolo offerto in piazza Vittorio Emanuele, il salotto orceano, dai cavalli maremmani e dai loro conduttori «scritturati» per la rassegna di fine estate. •