CHIUDI
CHIUDI

21.01.2019

Quella turista bresciana impigliata nella «rete»

Il guaio di Facebook è che quelli lì siamo proprio noi, noi in persona. Il luogo è «virtuale», ma dietro quelle lucette colorate che sullo schermo dell’iPhone compongono nomi e cognomi, fotografie e parole, non ci sono entità virtuali: siamo proprio noi quelli che litigano, che insultano, che augurano la morte. Nell’ambiente immateriale della rete crediamo che tutto sia permesso, ma poi nel mondo materiale ci chiedono conto se scriviamo cavolate. Come Iginio Massari ha chiesto e ottenuto i danni in tribunale dai due internauti che avevano definito «vomitevole» la sua crema, ora a passare un guaio sarà la turista di Carpenedolo che ha chiamato «lazzaroni» gli abitanti di un paese di montagna devastato dal maltempo. Si sono offesi, andranno per avvocati. Perché, dicono, a chiamarci «lazzaroni» non è stata una lucetta colorata su un computer, non è stata un’entità virtuale. Sei stata tu.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1