CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

09.11.2017

Tangenziale, c’è una luce in fondo al tunnel

Il sindaco Chiara Pavesi
Il sindaco Chiara Pavesi

Il primo lotto della tangenziale di Isorella è stato inserito dalla Provincia nel programma triennale 2018-2020 delle opere pubbliche. Si tratta della realizzazione della variante dell'abitato della cittadina della Bassa e dei collegamenti con la strada provinciale 24 e strada provinciale 11 quadrante nord-est. Un investimento di 6 milioni e 500 mila euro.

Di questi, 5 milioni e mezzo verranno sborsati dal Broletto e 1 milione da Isorella con la collaborazione dell'Unione dei comuni «Terra del Chiese e Naviglio». Ed è questa, in effetti, l'ultima novità su una vicenda che ormai si trascina da oltre 30 anni. Come ha spiegato il sindaco di Isorella Chiara Pavesi, «il Comune, di fronte ad una spesa da 1 milione di euro, ha deciso per il gioco di squadra e di realizzare un accordo come Unione dei comuni con Visano e Acquafredda. Quindi una quota verrà coperta con un mutuo stipulato dall'Unione e sul bilancio di Isorella rimarrà parte di questa rata».

Adesso manca il parere favorevole della Provincia allo schema di accordo proposto dal Comune di Isorella. In questo modo i lavori per la variante potrebbero iniziare entro il 2018. «Pensiamo positivo per una tangenziale che rappresenta una necessità impellente per Isorella» ha aggiunto Pavesi. Certo, non si tratta della realizzazione complessiva dell'opera «ma con il primo quadrante potremmo deviare il traffico in arrivo da Visano e si riuscirebbe ad istituire il divieto di transito ai mezzi pesanti nel centro del paese». Per ora, oltre ad un tiepido ottimismo, è la prudenza a fare da padrona tra le istituzioni di Isorella. Del resto, in questi ultimi anni, esisteva già un accordo di programma per realizzare i lavori della tangenziale. Un'intesa approvata sia dal Comune che dalla Provincia, ma un intoppo burocratico aveva bloccato il complesso iter. Sì, perché l'intesa non era stata pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione Lombardia (Burl) e dunque il progetto non era diventato operativo. V.MOR.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1