Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 15 novembre 2018

Il «Travallino» strizza l’occhio ai più piccoli

Il «Travallino»

Anche quest’anno TravagliatoCavalli brilla per una grande attenzione per i più piccoli. A fare da traino il «Travallino», la simpatica mascotte della fiera lanciata nella passata edizione dall’architetto Gianni Naoni e dal fumettista Andrea Marchetti su input di Simona Tironi. «La nostra mascotte non ha solo scopi commerciali ma anche e soprattutto educativi, vuole porsi come esempio simpatico di condotte e comportamenti corretti e positivi per i bambini e gli adolescenti» spiega Naoni. Un’iniziativa interessante in questi tempi in cui tra i giovani e i giovanissimi il bullismo più o meno spinto va sempre più di moda ed è sempre più diffuso. «Travallino vuole proprio essere un’icona antibullismo» conferma Naoni. DOPO UN GRANDE tour dei mesi scorsi attraverso le scuole bresciane, proprio grazie al «Travallino» è stato lanciato un concorso di pittura sul tema del cavallo che ha coinvolto 25 scuole medie inferiori bresciane, per un totale di circa 10mila studenti, che hanno prodotto 25 opere pittoriche che verranno esposte in un’apposita sezione della fiera. Successo ha avuto anche il concorso fotografico lanciato su Instagram ispirato al saluto del Travallino con adesioni da tutta Italia. La fiera offrirà ampio spazio dedicato ai laboratori e alle attività dedicate ai bambini. Non mancherà il classico battesimo della sella accompagnato da brevi escursioni sulla verde collinetta, l’Asinobus, il Pane dell’asino, il Coccolasino e, naturalmente, gli immancabili balli con il Travallino. © RIPRODUZIONE RISERVATA