CHIUDI
CHIUDI

26.10.2018

La droga era nascosta dietro una finta parete: in manette 2 spacciatori

La finta parete scoperta
La finta parete scoperta

Una doppia vita e una doppia parete: la prima era quella che l’imputato conduceva da un lato, da incensurato, e dall’altro da spacciatore; la seconda era stata costruita all’interno dell’abitazione in cui viveva e serviva per nascondere la droga, parecchia droga. LE INDAGINI sono state condotte dai carabinieri della compagnia di Chiari e hanno portato complessivamente a due arresti, non solo quindi dello spacciatore che aveva ristrutturato l’abitazione per renderla più funzionale allo stoccaggio degli stupefacenti. Le indagini hanno portato ai due arresti nei giorni scorsi. Sono intervenuti i militari del Nucleo Operativo della compagnia carabinieri di Chiari con l’apporto delle pattuglie del Nucleo Radiomobile e delle stazioni di Chiari, Ospitaletto e Dello. I servizi erano quelli che i carabinieri svolgono per prevenire i fenomeni criminali e in particolare, in questo caso, lo spaccio di sostanze stupefacenti. In manette sono finiti due italiani: un 54enne di Travagliato e un 50enne di Brandico, entrambi in possesso di droga. In ordine cronologico il primo a ritrovarsi con le manette ai polsi è stato il 54enne di Travagliato. In casa aveva vari tipi di droga. Al termine della perquisizione, i carabinieri hanno trovato 40 grammi di hashish, circa 30 grammi di marijuana e 20 grammi di cocaina. Sono stati sequestrati anche 12 mila euro che i carabinieri considerano provento dell’attività di spaccio. Più consistente il sequestro eseguito a Brandico. In questo caso ci si è trovati di fronte a chi si era organizzato «strutturalmente» per nascondere la droga. Il 50enne aveva realizzato un vano segreto, coperto da una finta parete in cui aveva occultato dello stupefacente. Sono stati scoperti 14 chili di hashish, 150 grammi di cocaina, 160 grammi di marijuana. Ma oltre alla droga i carabinieri hanno sequestrato anche delle armi risultate provento di furto. Entrambi quindi sono stati arrestati e le misure cautelari sono state convalidate. Interventi, quelli dei carabinieri che documentano una volta di più l’intensità dell’attività dell’Arma nel Bresciano nel contrasto allo spaccio. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

M.P.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1