Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
martedì, 13 novembre 2018

Periferie abbandonate, addìo L’Aler recluta la Polizia locale

Alcuni alloggi Erp dell’Aler di Travagliato

Periferie abbandonate e a rischio criminalità? Travagliato ha avviato una politica per la sicurezza che potrebbe fare scuola nella gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica (Erp). Ieri mattina, il municipio ha ospitato il presidente dell’Aler di Brescia Ettore Isacchini, il sindaco Renato Pasinetti, la vice Simona Tironi e l’assessore a Servizi sociali e Case comunali ed Erp Christian Bertozzi: i sottoscrittori dell’accordo di collaborazione con cui l’Aler affida alla polizia locale travagliatese poteri di «polizia stradale e di prossimità» all’interno delle aree di proprietà comunale dei 54 alloggi di proprietà dell’azienda presenti sul territorio. «Su nostra proposta, l’Aler ha in pratica recepito il nostro preesistente regolamento comunale per la gestione dei 90 alloggi di proprietà comunale che per anni erano stati affidati proprio all’azienda, ma che dal primo gennaio 2016 sono tornati sotto la supervisione diretta municipale», spiega l’assessore Bertozzi. Che prosegue: «In due anni, in questi 90 stabili siamo riusciti sostanzialmente ad azzerare la morosità, mentre negli anni precedenti, a dispetto di canoni d’affitto da un minimo di 10 a un massimo di 250 euro mensili, i residenti avevano accumulato morosità nei confronti del nostro ente nell’ordine di 130 mila euro complessivi». Il segreto? L’aver accompagnato un regolamento comunale preciso a controlli costanti nei complessi Erp da parte di un tecnico incaricato dal Comune e della polizia locale. «In questi due anni abbiamo anche premiato la collaborazione degli inquilini con opere migliorative degli alloggi: dalla creazione di sistemi di videosorveglianza alla cura dei parcheggi; senza dimenticare la rimozione di tutti i rifiuti abbandonati negli anni nelle aree comuni dei caseggiati comunali» aggiunge l’assessore. IL SINDACO? Pasinetti sottolinea che «il regolamento comunale adottato dall’Aler ha lo scopo di garantire la migliore convivenza possibile, e prevede nel dettaglio tutti gli adempimenti e le competenze dei residenti: dalle corrette modalità di utilizzo degli alloggi, dei box, delle cantine e degli spazi comuni alla manutenzione degli impianti di riscaldamento. Non mancano neppure regole per la permanenza degli animali domestici. In caso di violazioni è prevista una sanzione minima di 100 euro, aumentata di 50 euro per ogni bis». Come ricordato da Isacchini, quello travagliatese è il primo accordo di questo tipo raggiunto tra l’Aler e una amministrazione comunale del Bresciano, e nei prossimi giorni l’assessore regionale alle Politiche abitative Stefano Bolognini incontrerà Bertozzi per conoscerne i contenuti in vista di una possibile prossima rivisitazione del regolamento regionale a tema. •