Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
lunedì, 18 dicembre 2017

«Sistemiamo la via Romanino
per far dispetto alla Macogna»

I lavori su via Romanino partiranno entro fine agosto (BATCH)

Dopo la riqualificazione della via IV Novembre e la riasfaltatura di via Aldo Moro - un pacchetto di opere del valore di 313 mila euro, realizzate per il Comune nei mesi scorsi - il Gruppo Gatti mette ancora mano al portafogli e offre alla comunità un’ulteriore opera pubblica.

IL MOTIVO? Il Gruppo Gatti è proprietario di una cava a sud della Macogna, a due passi dalla discarica Drr «e la convenzione stipulata tra la Provincia, il Gruppo Gatti e i Comuni interessati - spiega e ricorda il sindaco Renato Pasinetti - originariamente prevedeva l’ampliamento e la riqualificazione della strada che dalla rotatoria sulla Sp18 di Berlinghetto raggiunge l’accesso principale della cava». Si tratta della stessa strada diretta verso la Drr e che, dunque, «se ampliata - sottolinea Pasinetti - avrebbe potuto favorire la discarica per inerti. Siccome siamo contrari alla Macogna, abbiamo deciso di avvalerci della possibilità offerta dalla convenzione di trasformare la nostra quota-parte di opere sulla viabilità in altre opere sul territorio». E proprio in forza di tale possibilità offerta dalla convenzione è in arrivo la radicale riqualificazione di via Romanino, una strada che sorge alla prima periferia orientale di Travagliato e connette alcuni punti strategici: via del Pero con il suo gigantesco nuovo quartiere residenziale, l’isola ecologica comunale, il cimitero, il nuovo centro commerciale Conad e la grande zona artigianale/industriale «Averolda». Una strada molto battuta anche da ciclisti e pedoni.

«L’ATTUALE carreggiata è insufficiente e inadeguata con problemi di sicurezza per gli utenti deboli della strada», spiega il sindaco. «C’è poi il problema dell’inciviltà di qualcuno che ha scelto il fosso che la costeggia come una sorta di discarica a cielo aperto - lamenta l’assessore ai Lavori Pubblici Luca Colosio -. Per questo abbiamo deciso di procedere a un radicale allargamento della strada, con la contestuale formazione di una pista ciclabile laterale connessa a quella già esistente in via del Pero. Oltre che allargata e riqualificata, via Romanino a partire dall’in- crocio con via del Parmigiano e fino all’innesto sulla via del Pero sarà anche completamente illuminata. Nono solo: il progetto prevede amche la copertura del canale che la costeggia. E all’interno del pacchetto di interventi a carico del Gruppo Gatti abbiamo inserito l’illuminazione della pista ciclabile esistente».

I lavori partiranno a fine agosto/primi di settembre.