CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

25.10.2010

«AAA bella donna disabile
offresi come modella»

Cinzia Rossetti in posa sensuale in una delle immagini per il book da modella realizzate da Paolo Ranzani
Cinzia Rossetti in posa sensuale in una delle immagini per il book da modella realizzate da Paolo Ranzani

Brescia. «Bella donna con disabilità offresi come modella». Non è uno scherzo nè una provocazione, piuttosto l'idea coraggiosa e innovativa di una trentanovenne bresciana affetta da tetraparesi spastica.
Cinzia Rossetti è la protagonista di una storia che di comune ha ben poco, ma che la dice lunga sul coraggio e la voglia di vivere di chi, pur tra mille difficoltà, non ha rinunciato ai suoi sogni.
Cinzia convive da sempre con una malattia fortemente invalidante, eppure nell'arco di questi 39 anni si è laureata in Scienze dell'Educazione, ha trovato un lavoro presso la Bottega Informatica, ha fondato una associazione di volontariato (si chiama «Zanzébia» e nel maggio scorso è stata insignita del premia «Città di Brescia Albino de Tavonatti») e ora sta tentando di andare a vivere da sola. Conduce, insomma, una esistenza «quasi» normale, e proprio per questo non vuole rinunciare al suo «diritto ad essere bella e femminile». Così, ha deciso di posare per un book fotografico alquanto inconsueto.
«L'IDEA MI È NATA giusto un anno fa, quando sono stata a Torino a vedere una mostra di Paolo Ranzani nella quale spiccavano un paio di foto che ritraevano atleti disabili come la ballerina Simona Atzori e la medaglia d'oro del basket Andrea Rocca», racconta Cinzia dalla sua casa di Botticino, dove vive con la famiglia nell'attesa di avere un'abitazione tutta sua. «Da lì ho iniziato a coltivare il sogno prima di portare la mostra a Brescia e poi di diventare io stessa protagonista di alcune fotografie, per dimostrare come anche una persona affetta da disabilità possa essere fiera del suo aspetto fisico e del suo essere donna», sottolinea Cinzia, che ha scritto una email a Paolo Ranzani per illustrargli la sua idea.
A poco a poco tra loro è nata una amicizia, poi sfociata nella realizzazione del tanto atteso book fotografico.
«Realizzarlo è stato emozionante e divertente - racconta la giovane bresciana - e le foto che ne fanno parte sono davvero bellissime, foto che mi fanno sentire donna, attraente, desiderabile, e questo nonostante e a prescindere dal mio handicap».
LA STORIA, PERÒ, non finisce qui. Realizzato il book, Cinzia decide di inviarlo ad alcune agenzie di moda e una di queste, a fine agosto, le ha risponsto dicendo di essere interessata. Quando Cinzia, però, ha inviato altre immagini e i responsabili dell'agenzia si sono accorte del suo handicap sono spariti. «Per me è stata una grande delusione - racconta Cinzia senza tradire alcuna debolezza -: penso che la mia proposta sia innovativa e grintosa e non comprendo perché nel nostro Paese la mentalità sia così arretrata da non accettare che anche una donna o un uomo con handicap possano posare per immagini accattivanti. Perché non dobbiamo avere pari opportunità in questo? Perché dobbiamo rinunciare a piacere e a piacerci?».
Cinzia di sicuro non si arrende: nelle scorse settimane ha inviato numerose lettere ed email a riviste femminili e di moda proponendosi come modella e a dicembre sarà protagonista della trasmissione di Rai 3 «Racconti di vita», dove la sua vicenda verrà accostata a quella - ad oggi molto diversa - della modella disabile inglese Shannon Murray, le cui immagini per mesi hanno tappezzato Oxford Street. Certo, l'Inghilterra non è l'Italia, e una sedia a rotelle non è proprio l'equivalente di una tetraparesi spastica: ma la bellezza non è sempre bellezza?

Angela Dessì
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1