CHIUDI
CHIUDI

15.03.2019

Aggredì due ragazze all’Accademia Laba: condannato a 3 anni

L’arresto era avvenuto in stazione
L’arresto era avvenuto in stazione

Nel tardo pomeriggio dello scorso 29 ottobre aveva aggredito e rapinato due studentesse all'interno della sede distaccata della Laba (la Libera accademia delle Belle Arti)in via Privata De Vitalis, nei pressi della stazione ferroviaria. Ieri il malvivente, un 55enne di Rudiano con alle spalle diversi precedenti per episodi simili, è stato condannato a tre anni di reclusione al termine del processo celebrato con il rito abbreviato. Per l’uomo, che da un paio di settimane ha lasciato il carcere dopo avere ottenuto gli arresti domiciliari, la procura aveva chiesto una condanna a quattro anni e quattro mesi di reclusione. Il 55enne quel pomeriggio era entrato nell’accademia con il volto travisato da uno scaldacollo e si era imbattuto nelle due ragazze in quel momento sedute a un tavolo. A una di loro aveva urlato di consegnargli il computer su cui stava lavorando. La ragazza si era opposta e davanti al suo rifiuto il 55enne l’aveva colpita con un pugno al volto. UNA VOLTA messa fuori causa la vittima le aveva sottratto il telefono cellulare, uno smartphone, e pure lo zaino. In difesa della ragazza era intervenuta una amica e pure lei era stata aggredita e rapinata dal 55enne. L’uomo l’aveva infatti schiaffeggiata e dopo averle portato via il telefono cellulare era fuggito. La sua corsa era stata interrotta poco dopo in stazione. Lì era stato intercettato dagli agenti della Polfer che lo avevano arrestato. Con sè aveva ancora gli oggetti rubati alle ragazze. Per lui si erano quindi spalancate le porte del carcere di Canton Mombello dove è rimasto detenuto fino allo scorso 1 marzo. Ieri è arrivata la condanna, più leggera rispetto a quanto avrebbe voluto la procura che per il 55enne aveva chiesto 4 anni e 4 mesi di carcere. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

PA.CI.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1