CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

03.01.2018

Aspettando i test del
dna via alle perizie
tecnico-legali

Il sopralluogo degli inquirenti nella zona dell’incidente SERVIZIO FOTOLIVE
Il sopralluogo degli inquirenti nella zona dell’incidente SERVIZIO FOTOLIVE

«Eravamo in movimento, sono stato tamponato e ho lasciato il tir in tempo», ha raccontato agli inquirenti l’unico superstite dell’incidente avvenuto lungo l’autostrada A21 in provincia di Brescia, in territorio di Montirone, tra i caselli di Brescia sud e Manerbio e nel quale sono morte sei persone, tra cui due bambini. Si tratta di un autista di Bolzano rimasto illeso: era lui al volante della cisterna carica di benzina che ha preso fuoco. TUTTE LE VITTIME sono morte carbonizzate e biologi arrivati da Milano hanno effettuato dei prelievi sui resti delle vittime per identificarle attraverso il dna. I corpi, del tutto irriconoscibili, sono stati trasferiti a Brescia, a disposizione della medicina legale, perché si deve procedere le autopsie. Il pm Roberta Panico ha aperto un’inchiesta sul tragico incidente. Stamattina è già previsto un primo range di accertamenti tecnici sul tratto di autostrada teatro dello schianto.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1