CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

07.11.2018

Batte forte
il cuore
di Bottonaga

La presentazione del volume: Zane, Zanini, Del Bono, Dallari e Marasini
La presentazione del volume: Zane, Zanini, Del Bono, Dallari e Marasini

Gli anni passano, la memoria resta. E i ricordi vanno conservati: specie se sono tanti, se attraversano secoli e generazioni, scavalcano il tempo e lo spazio. Quante vicende umane e ricordi può avere la storia di un quartiere? Potenzialmente, quasi infinite: e i tesori di questo «scrigno» non vanno dispersi.

A BOTTONAGA questo lo sanno bene. Il quartiere negli anni ha subito trasformazioni notevoli, ma ha sempre mantenuto intatto uno splendido spirito di appartenenza. E quindi non poteva che uscire dagli «Amici di Bottonaga», associazione che quest’anno festeggia il cinquantesimo anniversario della fondazione, l’idea di un lavoro che raccogliesse la storia del quartiere. È toccato così ad uno degli «Amici», Maurizio Zanini, mettersi al lavoro: due anni di ricerche, studi, approfondimenti, per arrivare a realizzare «Bottonaga - Non solo una storia di Amici», un corposo volume di quasi 300 pagine che legge la storia del rione e che è stato presentato ieri. Sette capitoli per una ricerca meticolosa e appassionante, che va alla prima volta in cui emerge il nome Bottonaga (12esimo secolo) ai giorni nostri. Dalla storia dei nomi delle vie a quella dei monumenti e delle varie associazioni che hanno animato la vita del quartiere; le cascine, lo sport, gli incontri degli «Amici»: tutto concorre a dipingere un quadro sempre attuale perché, come detto dal sindaco Emilio Del Bono, intervenuto alla presentazione, «queste storie rappresentano le fondamenta della Brescia di oggi. E mi auguro che in ogni quartiere ci sia qualcuno che abbia voglia di intraprendere un’ avventura come questa». Ma il capitolo che forse più di tutti potrà attirare l’attenzione dei lettori è quello iniziale dei sette che compongono il volume: «I libri della memoria» ovvero una serie di interviste (gran parte delle quali raccolte anche da Arianna Lenzi) a uomini e donne che in quartiere hanno trascorso tutta la loro esistenza, e che la raccontano aprendo l’album dei propri ricordi. La guerra, la vita in campagna, un mondo sicuramente meno agiato di quello attuale: spaccati di una realtà che non c’è più, ma nella quale affondano le radici della realtà odierna.

LA PRESENTAZIONE dell’editore Marcello Zane, molto accurata nei dettagli, ha ricordato anche come il libro aveva avuto un «prequel» una decina d’anni fa, in occasione del quarantesimo degli «Amici di Bottonaga»; ma era stata una pubblicazione che aveva perlopiù parlato della storia del gruppo. Adesso, invece, il cambio di marcia: «Proseguiamo un percorso cominciato dieci anni fa - le parole del segretario Maurizio Marasini - e siamo orgogliosi del percorso su cui abbiamo camminato in questi anni». «Bottonaga - le parole di Maurizio Zanini - era un quartiere di passaggio, di accesso alla città. Da qui negli anni sono passati Napoleone, Napoleone III, De Gaulle. È vero, la storia è passata di qui; ma credo soprattutto che ognuno dei protagonisti del libro abbia contribuito a scrivere la storia, questa storia. E l’opera vuole raccontare questo: speriamo di esserci riusciti». Tutto il ricavato andrà in beneficenza, tra le altre, a due associazioni: a «Marta4kids» di Christian Cappello che sostiene la ricerca sulla fibrosi cistica e a «Viva la vita», presieduta dall’amico di Bottonaga Giacomo Gigliotti, vicina alla ricerca sulle malattie neurodegenerative. Per festeggiare il cinquantesimo e la pubblicazione del libro l’associazione ha creato un evento in programma venerdì sera alle 20.45 al teatro Don Bosco con una scelta di immagini e di brani del libro da parte di Adriano Buttita; domenica invece la classica «agape fraterna» con gli Amici di Bottonaga, il momento conviviale dell’associazione con il presidente Arturo Dallari a leggere il rendiconto e a consegnare i riconoscimenti dell’anno. E sarà grande festa.

Mario Mattei
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1