Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 15 agosto 2018

«Campo Marte»
polisportivo a fine
mese basket e calcetto

Il campo «Sam Quilleri»: nella parte più chiara l’area che sarà oggetto di interventi (BATCH)

Mimmo Varone Il comparto ex Enel è in alto mare dal 2006, ma intanto ci sono 600 mila euro di oneri a scomputo da usare in opere di urbanizzazione. I primi 200 per la sistemazione di via Foscolo, con pista ciclabile, attraversamenti rialzati, nuova illuminazione (ormai si aspetta solo la bella stagione per sistemare le aiole a verde). Gli altri 400 mila riportano a nuova vita gli impianti sportivi di Campo Marte. In più a Bilancio sono già stati appostati 800 mila euro di fondi propri per riqualificare la palazzina ex corpo di guardia (progetto esecutivo fra una decina di giorni e cantiere dalla prossima estate). LE DUE COSE non si faranno proprio insieme, ma in sequenza. E l’area che fu militare sarà tutta rimessa a nuovo, a disposizione della città. Per ora è pronto il progetto esecutivo di riqualificazione degli impianti sportivi, con i cantieri pronti ad aprire prima che finisca febbraio. Al posto dei campi da tennis e basket gravemente degradati si faranno un campo da calcetto (recintato anche con rete fermapalloni) e uno di basket delle stesse dimensioni. Il secondo spostato un paio di metri verso sud per inserire un percorso pedonale di collegamento a partire dal nuovo ingresso su via Campo Marte. E anche per mantenere la vegetazione cresciuta nel frattempo. Ci saranno panchine per la sosta tra i due campi, collegati alla palazzina storica con un nuovo percorso pedonale che continuerà in direzione ovest fino a confluire nell’ingresso principale di via Foscolo. LUNGO QUESTO tracciato troveranno posto due spazi per la ginnastica all’aperto, vale a dire un Fitness park più grande per gli atleti giovani e gli studenti del Calini, un Senior park per la ginnastica degli anziani. Che sono già in 75 a praticarla e il loro allenatore ha persino consigliato gli attrezzi da installare. Infine è previsto il completamento della cinta su via Campo Marte e all’angolo con via Foscolo, in continuità con quanto già realizzato, mentre l’ingresso alla palazzina dalla stessa via Foscolo si troverà sul lato obliquo della cinta. Il tutto per un valore di 384.366 euro. Dal conto restano fuori l’illuminazione e la realizzazione di un servizio igienico nella piccola costruzione, anch’essa anni Trenta nei pressi dei due campetti. Per l’una e l’altro la Soprintendenza ai beni architettonici ha chiesto un surplus di “riflessione”, e quando l’accordo sarà trovato si faranno con quel che manca ai 400 mila euro. Ieri il sindaco Emilio Del Bono, gli assessori all’Urbanistica Michela Tiboni e all’Ambiente Gian Luigi Fondra, presenti i consiglieri del quartiere Sant’Eustacchio con la presidente Vanda Romagnoli attivamente impegnati nella progettazione partecipata, hanno presentato il tutto. «Campo Marte è un patrimonio di tutti, un polmone verde a ridosso del centro storico – dice il sindaco – e vogliamo mantenerne la vocazione ludica, aggregativa e sportiva». • © RIPRODUZIONE RISERVATA