CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.09.2017

Danni alla casa di Cellino
«Per fortuna era vuota»

Le strade di Miami completamente invase dall’acqua
Le strade di Miami completamente invase dall’acqua

Massimo Cellino e la sua famiglia non erano in Florida al momento del passaggio dell’uragano Irma.

Il nuovo proprietario del Brescia dal 2004 ha una casa a Key Biscane, una rinomata località turistica che si trova su un’isola a una ventina di chilometri dal centro di Miami ed è collegato alla terra ferma da un lungo ponte.

Dopo il passaggio di Irma, Cellino non ha ricevuto buone notizie dai custodi della sua abitazione a Key Biscane: «Purtroppo la mia casa ha subìto danni - fa sapere Cellino -. E non solo la casa». In garage aveva alcune automobili che usa per gli spostamenti quando è in America: «Adesso, però, non le ho più: sono tutte completamente distrutte».

IL PATRON del Brescia trova un doppio motivo di sollievo: «Nessuno della mia famiglia, per fortuna, era in Florida in questi giorni. E non ho mai vissuto da vicino un uragano. Sono stato fortunato e spero di non fare mai un’esperienza del genere nella mia vita».

Cellino vive tra la Florida, Londra, la sua Cagliari e Milano. Adesso è sempre più spesso a Brescia: ha appena preso in mano le redini della società, ha ribaltato la squadra, sta cercando di rivoluzionare tutto.

È la sua nuova missione, iniziata il 10 agosto quando a Milano c’è stato il passaggio del testimone con Marco Bonometti, il leader del gruppo industriale Omr che nell’estate 2014 avviò l’operazione di salvataggio e di risanamento economico del Brescia. V.C.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1