Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 21 settembre 2018

Dirigenti, il secondo step per quaranta aspiranti

Ben 250 domande di assunzione al bando per i dirigenti

A 250 domande di assunzione hanno corrisposto una quarantina circa di colloqui. Tanti sono stati gli aspiranti ad un posto di dirigente comunale a tempo determinato ad aver superato la prima scrematura, basata sulla qualità dei curricula presentati e dei titoli in possesso dei candidati. Si sono poi seduti di fronte a Giandomenico Brambilla, direttore generale della Loggia, e ai suoi collaboratori. La selezione è terminata nei tempi previsti, cioè entro ieri. Superato lo step «conoscitivo», è stata avviata la fase della valutazione comparata degli esaminati che ha per conseguenza un’indeterminatezza sulla data in cui saranno ufficialmente resi noti i nomi degli undici prescelti. Una decisione che per essere definitiva dovrà avere l’approvazione finale di Emilio Del Bono. Dunque non si sa quando terminerà l’attesa, anche se è presumibile pensare che entro la fine della corrente settimana l’esito della selezione sarà reso pubblico. Nel palazzo municipale molto si è lavorato, a partire dalla disamina delle tantissime domande pervenute da tutta Italia, molte più di quanto si potesse prevedere. CIRCOSTANZA che Fabio Capra, parlandone giorni fa a margine dei lavori della commissione urbanistica a cui ha presenziato, ha spiegato derivare da due fattori: la buona fama della macchina amministrativa di Brescia, tale da varcare i confini cittadini, e la generosa retribuzione che spetta ai nostri dirigenti comunali. Un appeal che, stando all’assessore con delega al Personale, è una delle cartine di tornasole della buona salute in cui versa la nostra città da un punto di vista della sua gestione. Gli undici bandi interessano altrettanti dirigenti. Casa e inclusione sociale, ambiente, mobilità, verde pubblico, strade, servizi alla persona, polizia municipale, pinacoteca e riqualificazione del castello, adeguamento sismico del patrimonio immobiliare, formazione e qualità del lavoro e infine pianificazione urbanistica sono gli ambiti per cui la selezione ha avuto luogo. • © RIPRODUZIONE RISERVATA