CHIUDI
CHIUDI

10.02.2019

Due tonnellate di «coca» nell’inceneritore

I mezzi della  Finanza al Tiu per la scorta alle due tonnellate di cocaina da smaltire   FOTOLIVE/Fabrizio Cattina
I mezzi della Finanza al Tiu per la scorta alle due tonnellate di cocaina da smaltire FOTOLIVE/Fabrizio Cattina

La «neve» è arrivata da Genova, copiosa e blindata. Non si è trattato di una perturbazione meteorologica, ma di un imponente spostamento di cocaina, trasportata dalla Liguria a Brescia per essere bruciata nel termoutilizzatore. E in fumo, ieri mattina, sono finiti ben 2103 chilogrammi di cocaina, dopo aver viaggiato per duecento chilometri con una scorta a prova d'attacco. «Avevamo la necessità di distruggere la sostanza sequestrata a fine gennaio. Brescia ha una struttura all'avanguardia per smaltimenti di questo tipo» spiega il tenente colonnello Mario Leone Piccinni, comandante della Guardia di Finanza di Genova cui va il merito d'aver sgominato un traffico internazionale di cocaina tra la Colombia e la Spagna. L'OPERAZIONE ha permesso di sequestrare a bordo di una nave oltre due tonnellate di sostanza stupefacente «che abbiamo sostituito con sale e spedito a destinazione (Barcellona) fino ad arrestare la persona che si è presentata a ritirare il container» spiega il comandante delle Fiamme Gialle, sottolineando che la procedura, in accordo con la Procura, viene definita «consegna controllata sotto copertura». Come accade a tutta la droga sequestrata dalle forze dell'ordine, anche questo carico andava distrutto, eccezion fatta per un piccolo campione da prelevare per analisi chimiche. «Sono necessarie per dimostrare al giudice la tipologia della sostanza», spiega il tenente colonnello Giuseppe Russo, comandante della Guardia di Finanza di Brescia che ha dato supporto ai colleghi liguri nell’impianto di A2A. Lo smaltimento è andato in scena ieri mattina, dove il carico è arrivato scortato da una quarantina di uomini e un elicottero in sorvolo lungo tutto il tragitto. Un trasporto delicato, da preservare da eventuali attacchi visto il valore della «merce» che al dettaglio avrebbe fruttato 673milioni di euro. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Paola Buizza
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1