CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

29.07.2015

Ecco la prima birra fermentata con il mosto

La presentazione di «DZero»
La presentazione di «DZero»

Da una parte l'austero e nobile Franciacorta. Dall'altra la birra artigianale. che anche a Brescia rappresenta ormai un'importante realtà. Due mondi apparentemente lontani, che presto proveranno ad incontrarsi nella prima birra prodotta, o più esattamente fermentata con mosto d'uva, ovviamente di Franciacorta. L'IDEA nasce dalla collaborazione fra due aziende, Villa Crespia di Adro, isola franciacortina del gruppo Fratelli Muratori (che comprende anche una cantina in Toscana e due in Campania) e il Birrificio Curtense di Monterotondo: l'amicizia fra Michela Muratori, giovane responsabile dell'azienda di famiglia, ed i due «birraioli» Matteo Marenghi e Christian Manessi ha messo in moto il progetto Birra «#DZero», presentato nei giorni scorsi con una festa alla Trattoria del Gallo di Rovato. I primi frutti si potranno assaggiare in anteprima domenica 20 settembre in occasione del Festival del Franciacorta.«Il Curtense già produce una birra a chilometri zero con soli ingredienti agricoli bresciani, ed ora ha deciso di sperimentare una nuova tipologia che fermenta con il mosto d'uva - spiega Michela Muratori -. Le uve saranno con ogni probabilità Pinot Nero, dei nostri vigneti: con l'aiuto del nostro vitienologo Francesco Iacono, le vendemmieremo il prossimo mese, le presseremo e consegneremo il mosto ai mastri birrai del Curtense per questo primo esperimento, dal quale nasceranno solo 1000 bottiglie. Sarà quindi a tutti gli effetti una birra millesimata, che abbiamo scelto di chiamare DZero perché per noi il dosaggio zero è da sempre la migliore espressione del territorio».Obbiettivo del progetto: raccontare un territorio in modo nuovo, ma anche, spiega Michela, «sdoganare il consumo del Franciacorta, farlo arrivare in ambiti meno snob, avvicinandolo finalmente al mondo dei giovani. Noi ci abbiamo già provato puntando molto sull'abbinamento con la pizza di qualità. Ed ora ci proviamo con la birra».C.A.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1