Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
sabato, 18 novembre 2017

Elena Perotti, Corte
d’appello revoca
adottabilità di un figlio

Elena Perotti fotografata durante un’udienza in tribunale. Ieri la sentenza della Corte d’appello FOTOLIVE

Una sentenza che cambia la vita di una persona. Come del resto non potrebbe essere altrimenti, quando la decisione consente a una madre di rivedere uno dei suoi due figli. E soprattutto blocca il processo d’adozione del bambino. Per l’altro bisognerà attendere.

LA MADRE è Elena Perotti, e la sua storia è segnata da quella terribile notte in cui venne sfregiato con l’acido l’ex fidanzato William Pezzulo. A compiere il terribile gesto fu un amico della giovane. Ma tutto sarebbe avvenuto per vendetta, perché William non avrebbe voluto riconoscere il figlio che Elena Perotti ha sempre sostenuto essere suo. Per lei poi ci sono state condanne per le gravissime lesioni provocate a William e per lo stalking nei suoi confronti. Ma sono nati, in questi anni anche 2 figli e c’è stato un matrimonio in una comunità. Elena Perotti ha scontato parte della pena ai domiciliari poi è stata trasferita in carcere. Ora, per ragioni di salute, con una battaglia molto pesante, è di nuovo ai domiciliari. E ha ripreso, assistita dall’avvocato Maria Cristina Tramacere, una nuova battaglia. Quella per poter riavere i figli dei quali nel frattempo era stata dichiarata l’adottabilità. Per legale e assistito c’è stata la sconfitta in primo grado. Poi, nelle scorse settimane, l’appello. E ieri la pubblicazione della sentenza che accoglie l’appello della madre e del legale. «Sono contentissima, non ci credo» ha detto in lacrime Elena Perotti, nel- l’apprendere della decisione dei giudici. Nella sentenza che dispone il non luogo a procedere in merito allo stato di adottabilità, si fa riferimento alle capacità genitoriali della madre, che vengono avvalorate. Si legge che «si è dimostrata una madre adeguata sia dal punto di vista dell’apprestamento delle cure materiali che dal punto di vista del rapporto affettivo con i figli». Ora l’adozione è stata revocata e Elena Perotti rivedrà il figlio.