CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

06.12.2018

Il «Booktrailer film festival» si allarga alle medie

La presentazione della nuova edizione del Booktrailer Film Festival
La presentazione della nuova edizione del Booktrailer Film Festival

Booktrailer film festival (Bff) ciak si gira! Si è aperta la nuova edizione dell’iniziativa di promozione della lettura ideata dal liceo Calini: gli studenti possono cimentarsi nella produzione di un trailer ispirato ad un libro e dal primo gennaio caricarlo sulla piattaforma www.booktrailerfilmfestival.eu partecipando così al concorso, le cui premiazioni saranno il 26 marzo. Quel giorno saranno proclamati i vincitori, scelti da un’apposita giuria che valuterà le opere provenienti da scuole di ben quattro Paesi europei (Italia, Polonia, Bulgaria e Francia) poiché da qualche anno il progetto è entrato a far parte del circuito Erasmus+. ALL’ULTIMA edizione erano arrivati 194 booktrailers, «quest’anno l’obiettivo è andare oltre, ma attenzione: i libri devono essere letti integralmente e non solo in sinossi: quando questo accade la giuria se ne accorge», ha precisato Beatrice Salvi, della giuria durante la presentazione dell’apertura del festival. La novità è il coinvolgimento delle scuole medie nella sezione junior: «È un’opportunità anche per i più giovani, che li arricchirà nella loro formazione alla tecnologia e alla lettura -ha spiegato la curatrice Alessandra Tedeschi: - la premiazione per i junior sarà la mattina dell’11 marzo e il vincitore sarà proiettato alla serata del 26». Arrivata alla sua dodicesima edizione questa iniziativa «è un percorso di grande valenza educativa», secondo la vicesindaco Laura Castelletti che ha ribadito così il patrocinio del Comune, che si affianca al sostegno economico offerto da alcuni sponsor locali, dalla Frecciarossa alla società di consulenza Fingenium e L’Unione italiana ciechi che finanzia il premio per l’accessibilità. Tra i sostenitori c’è fortemente l’Unione Europea: il preside del Calini Marco Tarolli ha evidenziato la valenza culturale del Bff «che valorizza i frutti migliori dei nostri giovani, definiti ormai generazione erasmus». Sebbene il progetto Erasmus per il Bff sia concluso, la dimensione europea prosegue grazie all’Artrailer: «Nato con la stessa filosofia del Booktrailer, l’Artrailer vuole promuovere l’arte attraverso un video: nella sua prima edizione le opere erano del museo di Santa Giulia, lo scorso anno della Pinacoteca e quest’anno saranno dedicate al Castello», ha spiegato Laura Dalè, referente del progetto il quale ha ereditato la dimensione di Erasumus del Bff coinvolgendo studenti da Francia, Polonia, Austria e Bulgaria. A differenza del Bff questo non è un concorso, anche se il miglior trailer di ciascuna nazione verrà presentato alla serata delle premiazioni del Bff. Il nome Artrailer gioca sul rispecchiamento della parola ART e TRA che, ha spiegato l’architetto e ideatrice Ilaria Volta «sottolinea il legame indissolubile tra chi osserva e l’opera d’arte, che può dirsi realmente compiuta nel momento in cui viene percepita: l’obiettivo è quello di far appropriare gli studenti dell’oggetto artistico, ponendosi domande, e poi scegliendo cosa comunicare». © RIPRODUZIONE RISERVATA

IR.PAN.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1