CHIUDI
CHIUDI

15.03.2019

Il «Mese letterario» al traguardo dei 10 anni

«Quando si legge, un mondo viene trapiantato in noi e noi veniamo trapiantati in quel mondo: è l’incantesimo di una scrittura riuscita, senza il quale un libro non è un libro». Le parole di Pierluigi Cappello, scrittore e poeta italiano dalla storia personale piena di ostacoli ma sempre caratterizzata da un incrollabile amore per la vita, sono il filo conduttore che animerà il «Mese letterario», iniziativa proposta dalla Fondazione San Benedetto che quest’anno festeggerà un compleanno speciale. All’auditorium Balestrieri, infatti, a maggio il Mese spegnerà dieci candeline: un traguardo impensabile all’inizio di un’avventura che, anno dopo anno, ha richiamato un numero sempre crescente di persone agli incontri dedicati ai grandissimi della letteratura di tutti i tempi. E, come ogni edizione, anche la numero 10 sarà diversa dalle altre: oltre a due presenze fisse, quelle di Valerio Capasa e di Edoardo Rialti, si parlerà di letteratura con Stas’ Gawronski, autore Rai e con la scrittrice Susanna Tamaro, con una serata-evento dedicata proprio a Cappello. «La letteratura e poesia buttano semi, sta a noi raccoglierli», ha suggerito Graziano Tarantini, presidente della San Benedetto, alla presentazione del Mese letterario, che si terrà i 4 giovedì tra il 2 e il 23 maggio. E Cappello è proprio uno di questi semi, «una figura che i giovani devono conoscere: era un grande appassionato della lettura, un grande poeta, ha avuto sfortuna ma nella sua autobiografia non si lamenta mai della sua condizione, segno che nessuna circostanza può togliere bellezza e valore all’esistenza», ha notato Tarantini. A Cappello sarà dedicata una serata particolare, il 9 maggio: la presentazione di «Il tuo sguardo illumina il mondo», il libro scritto da Susanna Tamaro per ricordare il suo amico-poeta di Gemona del Friuli, sarà arricchita da esibizioni musicali - «Molti artisti si sono già candidati per venire ad omaggiarlo», ha confermato il presidente della San Benedetto – e dall’intitolazione della Scuola di lettura e scrittura della Fondazione (diretta da Gawronski) proprio a Cappello. «Ha capito che la letteratura è qualcosa che aiuta a comprendere meglio il mondo, la letteratura non è una decorazione ma qualcosa di più profondo e vitale», ha commentato Laura Ferrari, che collabora all’organizzazione del Mese letterario. La rassegna sarà aperta, il 2 maggio, da una lezione che Stas’ Gawronski terrà sulla letteratura, con storie, letture e riflessioni sulle pagine dei più grandi scrittori. Sarà un modo per entrare in contatto con una nuova dimensione del leggere, che Gawronski insegna alla Scuola da lui tenuta, in cui «ci si scopre ad essere compagni di viaggio sia con i professori che con gli autori, la letteratura ci permette di capire qualcosa di più di noi stessi», ha sottolineato Ilenia Vasta, frequentatrice delle lezioni di lettura e scrittura da due anni. Il 9 maggio si parlerà di Cappello e della sua amicizia con Susanna Tamaro, un rapporto che «Il tuo sguardo illumina il mondo» descrive nel profondo: «È un’amicizia in cui si entra in punta di piedi, in cui ci si sente a casa, in un libro che ci fa capire qualcosa di più di noi stessi», ha asserito Sara Barbieri. IL MESE LETTERARIO proseguirà nella sua forma più «classica» il 16 e il 23 maggio, con l’incontro con due mostri sacri della letteratura: il primo è Seneca, scrittore e filosofo, che verrà raccontato da Valerio Capasa, mentre a Edoardo Rialti toccherà illustrare la vita e le opere di Cristina Campo, «considerata la Leopardi del Novecento», ha ricordato Tarantini, che ha anche fissato l’obiettivo della rassegna ormai decennale della Fondazione: «Se anche un solo ragazzo ogni anno si è innamorato della letteratura, abbiamo vinto». Le iscrizioni per il Mese letterario partiranno lunedì compilando un form sul sito www.fondazionesanbenedetto.it, mentre la prima serata sarà possibile ritirare il tesserino nominativo valido per tutte e quattro le serate versando un’offerta minima di 10 euro per i costi dell’organizzazione. Le iscrizioni saranno accettate fino a esaurimento dei posti: studenti e insegnanti potranno anche richiedere un attestato di frequenza indicandolo sul modulo di iscrizione. •

Manuel Venturi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1