CHIUDI
CHIUDI

10.01.2019

In dodici mesi il servizio avrà un nuovo «volto»

Entro giugno il bando per la gestione del servizio per  la provincia
Entro giugno il bando per la gestione del servizio per la provincia

Da giugno 2019 a giugno 2020: 12 mesi per cambiare il volto del servizio di trasporto pubblico locale come oggi lo conosciamo. «Dopo la gara, comunque vada, cambierà il mondo», annuncia il presidente dell’Agenzia per il Tpl Cladio Bragaglio. E il cronoprogramma, finalmente, dovrebbe proseguire a ritmi certi, se non proprio serrati. Entro giugno di quest’anno l’Agenzia pubblicherà il bando di gara per la gestione del servizio che comprende l’intera provincia di Brescia. SARANNO poi necessari 110 giorni dalla sua pubblicazione per presentare le offerte, trascorsi i quali si provvederà a nominare la commissione giudicatrice che valuterà le proposte arrivate. L’Agenzia dovrà poi provvedere alla stipula del contratto con il soggetto aggiudicatario, e la firma finale dovrebbe essere apposta alla fine dell’anno scolastico di giugno 2020, «così da dare al gestore la possibilità di fare un primo rodaggio durante i mesi estivi», spiega il direttore Alberto Croce. Dodici mesi che però potrebbero allungarsi in caso di ricorsi al Tar da parte dei concorrenti esclusi o non assegnatari. Un cronoprogramma che si basa su una premessa non da poco (vedi a fianco): se la giunta regionale recepirà, o meno, le indicazioni di modifica richieste dai consiglieri bresciani sugli indicatori per l’assegnazione delle risorse economiche. «Siamo fiduciosi su questo grazie al clima politico favorevole che si è creato intorno a Brescia - commenta Bragaglio - in ogni caso il contratto che stipuleremo con il gestore avrà quei margini di flessibilità tali da poter tener conto anche in corso d’opera delle risorse più o meno disponibili». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

SI.SAL.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1