CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

20.03.2017

La carica dei Mille:
«Basta violenza
di genere»

Quasi mille persone per dire «Basta alla violenza sulle donne». Una lunga coda di cittadini: mamme e papà con i loro passeggini, bambini, ragazzi e anziani che ieri si sono dati appuntamento a Campo Marte per aderire a due importanti iniziative: «Corri e cammina contro la violenza sulle donne» e «CorrItalia».

«L'UNA DEDICATA a chi, approfittando di una giornata di sole, ha voluto correre o anche solo passeggiare per le vie del centro storico con indosso la T-shirt contro la violenza di genere, un'importante testimonianza ed un nobile gesto per cercare di protestare ed opporsi a questo stato di cose; l'altra riservata ad atleti amatoriali non competitivi del settore Fidal che si sono allenati nella cornice cittadina in un percorso relativamente semplice per loro», ha spiegato Antonio Parente, presidente del comitato di Aics Brescia ed organizzatore dell'evento in collaborazione con CorriXBrescia e con il patrocinio del Comune, rappresentato dall'assessore alle Pari Opportunità Roberta Morelli.

UN'UNICA PARTENZA e due percorsi da 4 e 8 km per entrambe i gruppi che hanno atteso il fischio di inizio alle 9 in Campo Marte e che, non è il caso degli allenati podisti bresciani, hanno fatto rientro alle 13 per un ricco ristoro finale.

«Una scia interminabile di persone ed un'immagine bellissima che, grazie alla notevole partecipazione, si trasformerà in qualcosa di concreto», ha aggiunto con orgoglio Antonio Parente.

L'INTERO RICAVATO dalle iscrizioni alla manifestazione (7 euro a persona), infatti, verrà devoluto in beneficenza a Casa Betel, un'associazione con sede in via Vittorio Emanuele II e che da diciassette anni si prende cura e assiste le donne vittime di violenza grazie al volontariato di numerosi professionisti ed operatori. M.GIAN.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1