CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.07.2015

Lido 84, il maestro Ducasse incanta il Garda

Alain Ducasse, gran maestro della ristorazione francese, ai fornelli FOTO 35IMAGEMIX-Francesco Cancarini
Alain Ducasse, gran maestro della ristorazione francese, ai fornelli FOTO 35IMAGEMIX-Francesco Cancarini

La roulette del Grand Gelinaz Shuffle ha portato sul Garda un mito della cucina mondiale: giovedì sera le cucine del Lido 84 di Gardone Riviera hanno ospitato nientemeno che Alain Ducasse, uno dei grandi maestri della ristorazione francese.IN CONTEMPORANEA Riccardo Camanini, chef del ristorante gardesano è stato spedito al Faviken Magasinet di Jarpen, in Svezia, come prevedevano le regole di questo singolare evento che, nato nel 2005 dall'iniziativa di Fulvio Pierangelini ed Andrea Petrini, ha preso quest'anno la forma di un grande scambio internazionale nell'ambito del quale 37 chef di fama mondiale, da San Francisco a Melbourne, si sono «prestati» i rispettivi ristoranti per un giorno, preparando in contemporanea nella serata del 9 luglio un'esclusiva cena per pochi fortunati avventori con un menù di otto portate. Nel dream team dei 37 cuochi-superstar c'erano molti grandi nomi, tra cui anche gli italiani Massimiliano Alajmo e Massimo Bottura: ma al Lido 84 è sicuramente capitato in sorte il personaggio in assoluto più famoso e conosciuto a livello mondiale dell'intero lotto, per altro non del tutto estraneo al mondo bresciano in quanto partner del gruppo franciacortino Terra Moretti nella gestione del resort L'Andana, in Toscana.Come previsto dalle regole del gioco, la presenza di Ducasse, è stata rivelata solo al momento all'inizio della cena, articolata addirittura in nove portate di livello naturalmente elevatissimo: spalleggiato dal suo assistente Franck Cerutti, direttamente dal Louix XV di Montecarlo, il grande cuoco francese ha reso omaggio al «made in Brescia» in particolar modo con il Risotto con Bagoss, Zafferano e Riduzione di Groppello, superandosi tuttavia letteralmente nell'Acqua di Pomodoro e Pan Bagnat oltre che in un San Pietro Confit con Finocchi, Olive e Limoni del Garda di mirabile equilibrio.AMBASCIATORE di Gelinaz per la serata gardesana è stato Enzo Vizzari, direttore delle Guide dell'Espresso, cui è toccato il compito di illustrare il senso della manifestazione. «Ducasse ci ha proposto una sua personale interpretazione della cucina locale - ha spiegato -. Il maestro è arrivato tre giorni prima della cena con i suoi assistenti, ha voluto conoscere i produttori del luogo e scegliere personalmente gli ingredienti per realizzare in esclusiva una serie di piatti che fino a tre giorni fa non esistevano». Di certo per il giovane Riccardo Camanini, e per il fratello Giancarlo che a Gardone ha gestito l'evento, si è trattato senza dubbio di un endorsement di grande prestigio, che pare destinato a consolidare ulteriormente la fama del lanciatissimo Lido 84 a un anno dall'apertura.COPYRIGHTo COPYRIGHT

Claudio Andrizzi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1