CHIUDI
CHIUDI

12.02.2019

Premio della Brescianità: la cerimonia «raddoppia»

Brescia sforna anime grandi, in grado di affermare in Italia e nel mondo il proprio talento. Anime come Mauro Pagani, Aldo Rebecchi, Marco Vitale: a questi tre personaggi spetta il Premio della Brescianità 2019, che sarà conferito dall’Ateneo il 15 febbraio, in apertura alle celebrazioni della festa patronale. Ne fa parte il Premio Brescia per la ricerca scientifica, istituito lo scorso anno grazie all’Università e che sarà assegnato alla ricercatrice Maria Luisa Gorno Tempini. I PROFILI dei protagonisti sono stati presentati ieri in una conferenza stampa da Massimo Tedeschi, segretario al Premio, e Marina Pizzi, delegata alla ricerca dell’Università degli Studi. Maria Luisa Gorno Tempini è professore ordinario di neurologia comportamentale a San Francisco e direttrice di tre centri sullo studio delle disfunzioni del linguaggio. Mauro Pagani, nativo di Chiari, è musicista e direttore artistico, co-fondatore della storica band Premiata Forneria Marconi e coautore, con un certo De Andrè, del cult Creuza de mä. Aldo Rebecchi, da sempre impegnato nell’attività sindacale e politica, è stato segretario generale della Cgil bresciana, vicepresidente della commissione Lavoro della Camera e presidente del Banco di prova di Gardone Valtrompia, mentre oggi è coordinatore dello staff del sindaco Del Bono nonché presidente della Fondazione Micheletti. Marco Vitale è eclettico maestro d’impresa: scrittore, docente attivo in molteplici associazioni, presidente e consulente di importanti gruppi internazionali, comitati bancari e fondi di investimento. Definisce la brescianità come «la forza di ricominciare sempre da capo». Secondo Sergio Onger, presidente dell’Ateneo, «laboriosità e determinazione sono qualità più marcate qui che in altri territori» Per il rettore Maurizio Tira «non si tratta di campanilismo, ma di incoraggiare gli studenti a ottenere risultati importanti».

A.CAS.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1