Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
lunedì, 23 ottobre 2017

Sanpolino cambia «colore»
con Link Urban Art Festival

In azione per dare colore al pialastro della metropolitana FOTOLIVELe creazioni su una base grigia preparata da detenuti di Verziano (BATCH)

I residenti a Sanpolino, ma anche tutti i cittadini che vogliono assistere in diretta alla realizzazione di murales e graffiti, sono invitati a fare due passi lungo corso Luigi Bazoli, nel tratto sottostante i binari della metropolitana: da ieri fino a domenica artisti nazionali e internazionali sono all’opera nell’ambito della seconda edizione di Link-Urban Art Festival.

AL TERMINE, precisamente dalla prossima settimana, 8 piloni di sostegno della grande infrastruttura saranno abbelliti da dipinti dopo che, in precedenza, la base in grigio era stata preparata con la tinteggiatura effettuata da alcuni detenuti coinvolti dal protocollo istituito dal Comune di Brescia con le istituzioni carcerarie per lavori di pubblica utilità. Il tema proposto agli artisti, e interpretato liberamente, è legato al viaggio e alla connessione tra persone e luoghi.

L’iniziativa viene riproposta dall’associazione «True Quality» che, nell’aprile 2016, l’aveva lanciata per la prima volta: 12 artisti si erano avvicendati per decorare 10 piloni della metropolitana presso la stazione di Sanpolino. «Gli ottimi risultati ci hanno spronati a ripetere l’esperienza», ha spiegato Mattia Talarico dell’associazione che ha allargato la base dei soggetti promotori e degli sponsor. Tra i partner istituzionali figurano la Loggia, ma anche il carcere di Verziano e il Consiglio di quartiere; con loro realtà sociali (come la cooperativa Elefanti Volanti, che nel quartiere coinvolge minori in attività ludico-ricreative nonché il Pampuri), culturali come associazione Techne, Accademie Laba e Santa Giulia, ed economiche come Brescia Mobilità, Brescia Infrastrutture, Fondazione Asm e Franchi & Kim.

«L’AMMINISTRAZIONE sostiene iniziative come questa perché, oltre alla repressione, bisogna puntare su politiche di prevenzione di atti di inciviltà e di degrado, lanciando il messaggio: no alle tag sì a prodotti di qualità da realizzare alla luce del sole, nel rispetto delle regole della convivenza civile», ha spiegato Valter Muchetti, assessore comunale alla Sicurezza. Quest’anno il Festival ha ampliato la durata e i luoghi: in aggiunta agli spazi esterni, dove fino a domenica sera saranno materialmente all’opera gli artisti, domani è prevista una festa per tutto il quartiere: dalle 15 street samba con i Legau Da Metro animeranno le strade di Sanpolino, dalle 17 balli folk con l’associazione Giravoltati (live) e dalle 21 serata in musica al Pampuri con i gruppi Rootz Ital Movement, Giunta Lovva Sound e Sound of freedom. Saranno allestiti stand gastronomici e bancarelle di artigianato, illustrazione e autoproduzione. Oltre alla progettazione dei murales dei piloni gli studenti delle due accademie saranno protagonisti di un concorso fotografico: le loro opere e le attività collegate all’evento saranno esposti al «Mo.Ca» dal 10 al 12 novembre.