CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

05.07.2018

Senza tempo come i grandi vini e l’arte di uno chef «stellato»

Lo Sparviere è la residenza seicentesca della famiglia Gussalli Beretta a Monticelli BrusatiIl nuovo nato delle Agricole Gussalli Beretta: l’Extra Brut 2006Franco Gussalli Beretta con lo chef Heinz Beck al termine della cenaHeinz Beck cuoco stellato mentre prepara uno dei cinque piatti
Lo Sparviere è la residenza seicentesca della famiglia Gussalli Beretta a Monticelli BrusatiIl nuovo nato delle Agricole Gussalli Beretta: l’Extra Brut 2006Franco Gussalli Beretta con lo chef Heinz Beck al termine della cenaHeinz Beck cuoco stellato mentre prepara uno dei cinque piatti

Senza tempo come i grandi vini e le grandi annate che il tempo, appunto, lo addomesticano. Senza tempo come la dimora seicentesca Lo Sparviere di Monticelli Brusati, storica proprietà della famiglia Gussalli Beretta. Cornice più che adatta per la presentazione martedì sera, alla presentazione in anteprima del vino Franciacorta Riserva Dogg Esseti 2006 Extra Brut Riserva 2006. Intorno ai tavoli della storica dimora i massimi esperti italiani e internazionali dell’ enogastronomia. La presentazione ha visto l’eccezionale partecipazione dello chef Heinz Beck de «LaPergola» di Roma che con le sue creazioni ha abbinato piatti stellati ai prestigiosi vini delle Agricole Gussalli Beretta. Cinque portate (sei con il dolce) e altrettanti vini con l’intermezzo dell’ultimo nato l’Extra Brut Riserva 2006. «Una serata dedicata all’ Eccellenza! Heinz Beck ha voluto studiare piatti che esaltassero e si esaltassero con la nostra miglior produzione enologica, in un connubio di elementi che rende onore all’es- tro, alla fantasia e alla cultura materiale che caratterizzano il nostro Paese: un onore accostare i vini delle nostre aziende alla cucina di un grande Maestro»: ha detto Franco Gussalli Beretta, che insieme al fratello Pietro guida il gruppo armiero, per descrivere l’evento ospitato dallo Sparviere. «Esseti, che già nel nome riprende le iniziali Sboccatura Tardiva, è affinato sui lieviti per 11 anni e rappresenta l’apice della capacità interpretativa del nostro terroir franciacortino, ove le marne grigie e uno chardonnay quasi tardivo riescono a generare un prodotto Senza Tempo, trasformando questa ultima componente in una caratteristica strutturale», ha commentato Massimo Ferrari, alla direzione operativa del Gruppo Agricole Gussalli Beretta. La cena si è svolta al piano nobile del palazzo seicentesco, sede della storica azienda Lo Sparviere sotto l’attenta regia di Monique Poncelet, moglie di Ugo Gussalli Beretta e impeccabile padrona di casa. Il menù composto da cinque portate ha visto la miglior produzione di Castello di Radda (Chianti Classico), Orlandi Contucci Ponno (Colline Teramane), Fortemasso (Barolo) ed ovviamente i vini de Lo Sparviere. «La scelta, frutto dell’esperienza e della visione della mia famiglia, è stata quella di investire in territori di grande vocazione storia e fascino e di intraprendere una Agricoltura di Precisione, con al centro vitigno e territorio, ha reso il Gruppo capace di esprimere grande qualità e nitida personalità nei vini. Un percorso di eccellenza cui crediamo fortemente», ha commentato Pietro Gussalli Beretta alla fine della cena. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1