CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

05.10.2014

Superstarter sceglie l'allenatore virtuale

La premiazione del progetto di Xmetrics di allenatore virtuale
La premiazione del progetto di Xmetrics di allenatore virtuale

Peccato, campanilisticamente parlando, per le start up con radici bresciane: BleMesh - che ha come fondatore l'ingegnere Raffaele Ielpo e punta sulla creazione di una rete wireless per dispositivi Bluetooth Smart configurabile e accessibile per mezzo di una piattaforma software dedicata - e Qapp, messa a punto in Nokia da Alessandro Garulli e Matteo Marchini, una piattaforma multifunzionale per campagne di soddisfazione clienti e ricerche di mercato senza intermediari. A vincere la prima edizione di Superstarter, il concorso bandito dal Superpartes Innovation Campus all'interno di Supernova, è Xmetrics, l'«allenatore virtuale per gli sport d'acqua» lanciato da cinque ingegneri milanesi che si è saputo imporre sulle 4 finaliste (oltre a BleMesh e Qapp, il mercato agroalimentare virtuale Quicibo e il software per elettrodomestici Ioota) selezionate su una rosa di oltre 70. Xmetrics – presentato a Superstarter dall'ideatore e ex nuotatore Andrea Rinaldo- è quello che in gergo si chiama «wearable device»: si posiziona sulla testa degli atleti e rileva parametri biomeccanici e biometrici, fornendo poi un feedback audio real time.
RINALDO ASSICURA che si tratti di una novità, per il nuoto almeno. «L'idea è nata quasi casualmente – racconta -, da nuotatore ho notato l'assenza di dispositivi per la rilevazione dei dati di allenamento utilizzabili in vasca». Con un pool di altri 4 ingegneri, Andrea Rinaldo ha prima realizzato una «proof of concept» con materiale di recupero e una prima versione degli algoritmi. Poi, nel 2014 è arrivato il brevetto per proteggerla e nel 2015 inizierà anche la vera e produzione. Qualcuno se ne sarebbe già innamorato, il campione olimpico Massimiliano Rosolino in primis.
Oltre alla “gloria”, Xmetrics si è aggiudicata un premio di 50.000 euro suddiviso in 20.000 euro in contanti, altri 20.000 euro in servizi del Superpartes Innovation Campus e 10.000 euro in servizi di comunicazione dell'agenzia Rossa. Più la consulenza presso lo studio Associato Facella. Ma lo start up contest non è stato l'unico momento di interesse dell'evento organizzato alla facoltà di Economia di Brescia. I finalisti (che peraltro hanno presentato i propri progetti a giudici del calibro di Angelo Facchinetti di Mittel, Cesare Maifredi di 360 Capital Partners, Stefano Molino di Innogest e Layla Pavone di Venture Partner) sono stati preceduti da una affollata discussione sullo stato dell'arte dell'Internet of Things alla presenza di autorevoli rappresentanti del mondo dell'ICT come Alberto Degradi di Cisco Systems, Carmine Stragapede di Intel Corporation e Luca Salgarelli. In chiusura, l'annuncio: l'Adriano Olivetti Day, in programma il 6 novembre con la partecipazione di un mostro sacro come Federico Faggin.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Angela Dessì
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1