CHIUDI
CHIUDI

23.01.2019

Travolto dall’auto
muore dopo 16
giorni di agonia

Francesco Tebaldini, 81 anniGli agenti della Polizia Locale durante i rilievi dell’investimento in via Gualla la mattina del 6 gennaio
Francesco Tebaldini, 81 anniGli agenti della Polizia Locale durante i rilievi dell’investimento in via Gualla la mattina del 6 gennaio

Ha lottato per sedici giorni, in delicato bilico fra la vita e la morte. Infine, il cuore di Francesco Tebaldini, 81 anni, ha smesso di battere. Il decesso è avvenuto ieri notte in Poliambulanza, dove l'anziano era ricoverato dall'Epifania, giorno in cui è stato travolto da un'auto mentre attraversava via Gualla, a Brescia. I traumi riportati a seguito del drammatico impatto con una Fiat 500, erano parsi fin da subito molto gravi ai soccorritori che avevano trasportato d’urgenza l’ottantunenne in ospedale. Un esile filo di speranza che si è spezzato, tracciando un’altra croce sulle strade della nostra provincia.

L’INCIDENTE costato la vita a Francesco Tebaldini risale alla mattina del 6 gennaio. Erano circa le 11 quando il pedone è stato investito da una Fiat 500 guidata da un giovane diretto verso il centro città. All’altezza dell’incrocio semaforico tra piazzale Guglielmo Corvi e via Gualla, l’impatto. L’anziano è stato caricato sul cofano della vettura con una forza tale da sfondare il parabrezza e piegare il cofano. L'auto lo ha trasportato per una decina di metri prima di sbalzarlo a terra con altrettanta violenza. La chiamata al Nue 112 è stata immediata e tempestivo è stato l'intervento dell'ambulanza e dell'auto medica. L'anziano, con lesioni su tutto il corpo, è parso fin da subito in gravi condizioni. Sull’asfalto i segni di una ricaduta terribile, traumatica. Evidentemente scosso e sotto shock il giovane automobilista, portato dagli agenti della Polizia Locale al comando di via Donegani, dove era stato sottoposto, come da prassi, ai test per accertare l'eventuale assunzione di alcol o droghe, entrambi con esito negativo. Agli accertamenti il compito di stabilire le responsabilità dell’ennesimo incidente mortale. Il conducente della vettura, al quale verrà sospesa la patente, è indagato per il reato di omicidio colposo.

CON LA MORTE di Francesco «Franco» Tebaldini si appesantisce ulteriormente il tributo di sangue versato sulle strade della nostra provincia. Una lista nera, spaventosamente lunga, soprattutto riguardo ai pedoni deceduti, che nel 2018 sono stati 23 contro gli 11 del 2017. In molti casi si tratta di persone che stavano attraversando la strada sulle strisce pedonali. Vittime spesso di attimi di distrazione o velocità non adatte a particolari tratti stradali, soprattutto con la presenza di una scarsa visibilità. L’ultimo saluto all’81enne, che lascia moglie, due figli e nipoti, verrà dato venerdì alle 15.30. Il corteo funebre partirà alle 15.10 dalla Poliambulanza diretto alla parrocchia di Cristo Re, a Brescia, dove saranno celebrati i funerali. Francesco Tebaldini riposerà al cimitero di Mompiano.

Paola Buizza
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1