Questo sito web utilizza i cookie anche di profilazione al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Informazioni
mercoledì, 18 ottobre 2017

Un «radar» speciale annuncerà i temporali

Mai come ieri è apparso così blu il lago d’Iseo e così verdi i monti circostanti, ripuliti dai temporali dei giorni scorsi. Il tempo sarà determinante per la buona riuscita di «The floating piers».

Scrosci violenti di pioggia o peggio ancora bombe d’acqua, per non parlare della temutissima «sarneghéra», possono richiedere l’evacuazione a tempo di record dei pontili galleggianti. Il servizio meteo dirà di ora in ora quante persone potranno essere presenti contemporaneamente sull’opera di Christo. «Il numero dei visitatori ammessi a camminare sull’acqua dovrà per ragioni di sicurezza diminuire di notte, ma anche di giorno sarà legato alle condizioni meteorologiche», ha precisato il prefetto Valerio Valenti. Responsabile del servizio è l’Agenzia regionale per la protezione ambientale (Arpa) di Brescia, con la quale collabora l’Aeronautica Militare. La rete di stazioni meteo e di strumentazioni in uso all’Arpa e ai previsori dell’Aeronautica Militare è stata adesso rafforzata con l’installazione sul tetto dell’ex casello idraulico di Iseo, ora sede periferica della «Navigazione lago d’Iseo srl», di un radar funzionante in banda X, gentilmente concesso in prestito dall’Arpa del Piemonte. È, per la precisione, un Selex-Si Gematronix Weather Radar prodotto dalla Finmeccanica. La banda X è stata inizialmente adoperata dai militari e dalle agenzie spaziali, successivamente è stata utilizzata anche a livello civile e in altri campi, come ad esempio il telerilevamento e il meteo. «Il radar in questione- ha puntualizzato Valenti- ha la particolarità di essere in grado di prevedere l’andamento del tempo in un luogo molto ristretto e in tempi assai ravvicinati». Proprio quello che ci vuole per rassicurare i fruitori della lunga passerella che collega Sulzano a Montisola e all’isoletta di San Paolo. «L’Arpa e il Comitato di coordinamento che ha per base la sede della Comunità montana del Sebino bresciano, a Sale Marasino- ha aggiunto il prefetto di Brescia-, emetteranno due bollettini al giorno e garantiranno il monitoraggio costante e puntuale delle condizioni meteorologiche.

IN SENO ALLO stesso Comitato di coordinamento saranno sempre presenti un meteorologo e altro personale specializzato». Per coloro che, essendo intenzionati a sperimentare l’ebbrezza del ponte di Christo, hanno bisogno di sapere in anticipo che tempo farà in un determinato giorno sul Sebino, potrà essere utile consultare il sito www.iseolake.info, dare un’occhiata alle varie webcam meteo dislocate sul territorio, navigare sui social che solitamente vengono di continuo aggiornati. G.Z.