CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

28.01.2018

La centralina agita le acque in Consiglio comunale

Il Consiglio comunale di Bedizzole di giovedì è cominciato con una doppia commemorazione: un minuto di silenzio chiesto dal capogruppo di maggioranza Luca Gazzola in onore di Giulio Regeni, il ricercatore italiano assassinato due anni fa in Egitto, e per le vittime del sinistro ferroviario di Pioltello, costato la vita a tre donne. Gazzola ha ribadito la necessità di conoscere la verità su quanto realmente accaduto a Regeni, chi lo ha ucciso ed in quale contesto è maturato il delitto in termini di responsabilità e complicità, per poi riflettere sulla tragedia ferroviaria che rimanda al tema della sicurezza dei trasporti. LA SEDUTA è proseguita con la discussione di una interrogazione di Isidoro Bottarelli di «Prima Bedizzole» sulla centralina idroelettrica costruita sul fiume Chiese in località Barbelli. Secondo il consigliere i lavori di realizzazione della stessa avrebbero comportato una modifica degli antichi manufatti che risalirebbero al 1852 o addirittura al 1811. In osservanza delle prescrizioni questi manufatti avrebbero dovuto essere inalterati, invece, secondo Bottarelli, la travata sarebbe stata innalzata di 30, 40 centimetri. Questo consentirebbe una più ampia raccolta di acqua e agevolerebbe il beneficio di produzione di energia per la centralina, ma contemporaneamente altererebbe l’antico manufatto. Il vicesindaco Flavio Piardi ha risposto dicendo che una perizia disposta da un professionista ha calcolato un effettivo innalzamento della travata, ma compreso tra un minimo di un centimetro ed un massimo di nove. La perizia è stata inoltrata alla Provincia cui competono i titoli autorizzativi. N.ALB.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1