Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
venerdì, 22 giugno 2018

Medie, tagliata una seconda
I genitori sul piede di guerra

Le medie Calini di Bedizzole: i genitori sono sul piede di guerra (BATCH)

Le medie Calini di Bedizzole a settembre avranno una seconda in meno.

Un taglio imprevisto e inatteso, che ha messo in allarme i genitori degli studenti.

«Il primo agosto - spiega Patrizia Menchiari, mamma e rappresentante di classe - ci è stato comunicato che una seconda sarebbe stata soppressa. Questa scelta ha comportato una serie di disagi per gli alunni e i genitori». Le diffusissime chat tra mamme e papà in questi giorni sono diventate roventi, e la delusione mista a preoccupazione si è palesata in un’assemblea pubblicata convocata per giovedì sera e alla quale hanno partecipato più di cento persone. Al momento non si sa quale sia la seconda che sarà sacrificata, quindi il fermento è diffuso e generale. «Questa scelta - prosegue Menchiari - ha già messo in difficoltà chi aveva comprato i libri il cui elenco è uscito il 26 giugno, ma sono soprattutto le ricadute sui ragazzi a preoccuparci: sopprimere una classe significa interrompere a 12 anni un percorso didattico e impattare sul percorso formativo di tutti gli studenti».

GLI ALUNNI dell’ex prima che, probabilmente, non avrebbe superato i 17 alunni, andranno divisi nelle altre sezioni accrescendo il numero dei ragazzi per classe, un disagio che si aggiunge alle difficoltà di un’età molto delicata. I genitori, tramite i loro rappresentanti, hanno scritto una lettera al dirigente Vincenzo Falco e al Provveditore in cui manifestano il loro disappunto, auspicando che il taglio previsto per settembre possa essere rivisto.