CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

03.01.2018

Un asilo bresciano per i bimbi del Togo

Per i bimbi di Todomè un nuovo asilo grazie ai volontari bresciani
Per i bimbi di Todomè un nuovo asilo grazie ai volontari bresciani

Nicola Alberti Il «Progetto 3T», un’iniziativa di solidarietà internazionale nata tra Sirmione e Desenzano per mettere poi radici anche a Bedizzole, realizzerà un asilo a Todomè, in Togo, grazie alla generosità del Gospel Time Choir, che ha donato il ricavato del concerto tenutosi prima delle feste proprio a Bedizzole. IL PROGETTO 3T (che sta per Togo, Todomè Toujours) è presieduto da Don Evelino Dal Bon, già parroco di Sirmione, il coordinatore è Mario Visconti e il responsabile organizzativo è Giordano Parolini, sostenuti da numerosi volontari. «Il progetto - racconta Mario Visconti - nasce nel 2000 quando a Sirmione viene ospitato un togolese che racconta la povertà del suo popolo. Sette tecnici si recano sul posto e toccano con mano miseria e dolore. Da allora non ci siamo più fermati». Dai primi 7 di allora, i volontari oggi sono diventati 120, attivi a Todomè, sperduto villaggio africano con 2800 abitanti di cui 1200 bambini. Un crescendo che si concretezza: dallo scavo di pozzi all’arrivo dell’acqua potabile, la costruzione di due ponti, la creazione di tre scuole e del dispensario medico intitolato a Vitangelo Gadaleta, generoso medico tra i più attivi sostenitori del progetto. «Un dato impressiona - racconta Mario -: l’aspettativa di vita a Todomè, prima del progetto era 30 anni, adesso è di 70». I volontari del 3T hanno comprato 7 ettari di terra, li hanno suddivisi in lotti e affidati ad agricoltori del luogo con l’accordo che ne sarebbero diventati proprietari dopo 10 anni se avessero usato una metodologia di coltivazione europea. «A Todomè si raccoglie cacao da 150 anni - continua Visconti - ma gli abitanti non conoscono la cioccolata. Come se i nostri contadini non avessero mai bevuto il vino». Il cacao raccolto va alle multinazionali che pagano la settimana di lavoro agli agricoltori, i quali poi tornano disoccupati per il resto dell’anno. Studi di bravi tecnici italiani cercheranno di insegnare agli abitanti di Todomè anche le fasi della lavorazione, per consentire un impiego lavorativo più duraturo. E adesso arriva l’asilo, che verrà realizzato aggiungendo aule all’interno di una delle scuole esistenti grazie alle note del Coro Gospel. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1