Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 19 luglio 2018

Dal lago riemerge il tesoro dei «distratti»

I vari preziosi ritrovati quest’estate nel lago da Gianluca TotoLa fede nuziale con nome e data trovata sui fondali del Desenzanino (BATCH)

Un euro, due euro, monetine varie: ritrovamenti casuali, che aggiungevano il lampo di un piccolo sorriso a una passeggiata sulle spiagge del basso Garda. Tutto qui.

Poi l’idea, il passo avanti: comprarsi un metal detector e setacciare quei percorsi in modo più tecnologico. Poi ancora, l’evoluzione: maschera, pinne e muta, per scoprire oggetti metallici anche sui fondali del lago, dove invece delle monetine spuntavano anelli e orecchini. Ma sempre per passatempo, senza scopo di lucro: un hobby e niente più.

RISULTATO: per Gianluca Toto, un barman di Desenzano che lavora a Sirmione, quel singolare hobby è diventato una «missione». Perchè anello dopo anello, orecchino dopo orecchino, ha capito che sott’acqua c’è un piccolo tesoro di oggetti, smarriti magari durante una nuotata nel lago, che i legittimi proprietari sarebbero felici di riavere.

Ed ecco la soluzione: aprire una pagina Facebook, attivata da pochi giorni, per mostrare i suoi ritrovamenti, con la speranza di restituire un sorriso a chi aveva perso un oggetto importante, affettivamente e non solo.

«Per me è un hobby, senza intenti commerciali - spiega Gianluca -. È una mia piccola caccia al tesoro per divertirmi nel tempo libero: trovare qualcosa di particolare o di prezioso è sempre una gioia, che rende più appagante una passeggiata sulla spiaggia o un bagno nel lago».

La pagina Facebook, aperta pochi giorni fa, si chiama «Rops», recupero oggetti preziosi smarriti. Un’idea nata dopo l’ultimo ritrovamento, in acqua davanti al Desenzanino: una fede nuziale da uomo, in oro 750, con incisa una data (27-6-98) e il nome della sposa, Monia.

«Sarebbe bello restituire questa fede e gli altri oggetti che ho ritrovato nel corso dell’estate - dice a questo punto Gianluca -. Ovviamente senza fissare un prezzo da pagare: nulla in contrario se qualcuno, per gratitudine, vorrà in qualche modo ricompensarmi, ma non ho scopo di lucro, questo sia chiaro».

E la «missione» continua: «Potrei, su richiesta, ritrovare preziosi anche su commissione: se qualcuno ha smarrito anelli o catenine - annuncia - può contattarmi tramite la pagina Facebook e mi metterò in cerca».