CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

27.02.2018

La Lipu: «Sono selvatici Il loro posto non è la città»

Un cigno in piazza a Desenzano
Un cigno in piazza a Desenzano

Dannosa per i cigni e diseducativa per gli umani: la convivenza in ambiente urbano con animali selvatici non va bene. Lo spiega con delicatezza Maura Nosenzo, la delegata di Brescia della Lipu, la Lega italiana protezione uccelli. «È VERO che abbiamo compromesso, per non dire distrutto, gli habitat naturali: i canneti scomparsi, le coste cementificate. Ma accettare il fatto compiuto non è l’approccio scientificamente più corretto». Che i cigni «urbani» di Desenzano siano vittime di un equilibrio che è saltato, nessuno lo discute. «Ma ci sono troppi problemi nell’accettare come normale la loro presenza in città: non è il loro posto - spiega la delegata Lipu -. Innanzitutto l’alimentazione: capisco il buono spirito con cui molti gli danno da mangiare, ma pane e focaccia non sono alimenti adatti per loro. Inoltre, in questo modo si disabitueranno a procacciarsi il cibo in natura, finché non ne saranno più capaci». Che fare? «Bisogna trovare la maniera - spiega Nosenzo -per reindirizzarli verso il lago, alla loro dimensione naturale di vita. Dobbiamo capire che non tutti gli animali sono cani e gatti. Penso ai bambini: insegnargli che non ci sia differenza tra animali domestici e selvatici, che tutti si possano mettere al guinzaglio e nutrire di crocchette, non è una buona educazione a un rapporto corretto con gli animali e la natura».

A.GAT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1