CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

27.10.2017

Lungolago
da ripensare:
il progetto
può cambiare

Il primo cittadino Guido Malinverno
Il primo cittadino Guido Malinverno

Una riunione di maggioranza convocata ieri sera ha scandito i tempi di avvicinamento al via libera (forse) definitivo al progetto di riqualificazione della zona balneare del lungolago di Desenzano (dal Park Hotel al Desenzanino) operazione che ha un «budget» da 5 milioni di euro messi sul tavolo dai privati per la lottizzazione delle Grezze.

SUPERATA la fase delle consultazioni (tre incontri con operatori turistici, cittadini e tecnici) entro metà novembre saranno valutate le ipotesi presentate ed eventualmente rielaborate in un progetto da consegnare alla Soprintendenza, a cui spetterà l’ultima parola.

«Abbiamo cominciato a sintetizzare quanto raccolto - spiega il sindaco Guido Malinverno – e poi valuteremo se inserire qualche modifica».

Il progetto in discussione, ricordiamo, era stato approvato dalla Giunta Leso e poi «congelato» dalla nuova amministrazione. Il Consiglio comunale aveva deliberato un limite di 45 giorni per le consultazioni (quindi fino a questo lunedì) e una seconda fase di altri 30 giorni per l’eventuale rielaborazione del progetto in caso di modifiche.

Come già annunciato dal sindaco Malinverno all’assemblea pubblica del 4 ottobre, al termine della seconda fase sarà comunque convocata un’altra assemblea, in cui dovrebbero essere discusse tutte le ipotesi e i suggerimenti ricevuti, anche quelli non accolti.

SUL TEMA è intervenuto in queste ore il Movimento 5 Stelle: «Riteniamo utile un intervento di manutenzione del tratto di passeggiata a lago interessato, ma non riteniamo necessario l’ampliamento che comporterebbe l’eliminazione della spiaggia Feltrinelli oltre che un’invasiva colata di cemento. Quei 5 milioni potrebbero essere allora investiti nella messa in sicurezza della rete fognaria e in particolare degli scarichi a lago».

Sugli scarichi una breve nota anche del Cat, il Comitato Ambiente e Territorio: «Anche se il sindaco non ha più dato spiegazioni riguardo le promesse non mantenute sugli scarichi a lago, ci auguriamo che questa volta s’impegni con i fatti, e non più solo a parole». A.GAT.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1